“IDDU”: CHISTA SI CHIAMA MERAVIGGHIA!

Iddu. Il vulcano Stromboli  alle nostre latitudini si chiama semplicemente così, quasi a volere sottolineare che Lui è uno di famiglia, fa parte del dna degli strombolani. Ma Iddu è anche il simbolo dell’inquietante potere della natura, è il padrone dell’isola, e i suoi abitanti lo sanno bene e ne hanno profondo rispetto.  Chi ha passato almeno una notte sull’isola sa che  è possibile sentire, quando c’è una leggera attività,  il respiro del vulcano.

Per i turisti Iddu è meravigghia è la cosiddetta sciara del fuoco, il ripido pendio formato da lava e lapilli incandescenti che dal cratere arriva fino al mare, è un vero e proprio spettacolo ipnotico. Ma arrivare in cima non è una passeggiata.

LEGGI ANCHE  TURISMO: RADDOPPIANO IN SICILIA LE PRESENZE ITALIANE E STRANIERE

 

La scalata è impegnativa e, se si vogliono toccare i 400 metri d’altezza, si può fare solo ed esclusivamente accompagnati da una guida autorizzata, meglio se nel tardo pomeriggio o sera, viste le elevate temperature. Un tempo era possibile arrivare fino agli 800 metri, ma negli ultimi anni, considerate le ‘intemperanze’ di “Iddu”, il massimo è 400.  La fatica è tanta, così come l’ansia di arrivare alla fine del percorso e godere di una experience dal fascino impagabile.

 

Il fuoco del vulcano si confonde con il rosso intenso di un tramonto che fa sognare, immersi nella bellezza di una natura selvaggia e incontaminata. La discesa regala ancora emozioni. In tanti si fermano nella zona dell’ Osservatorio, qui c’è anche un ristorante dove fermarsi a riposare, cenare e ammirare le fontane di lapilli che esplodono in cielo.

LEGGI ANCHE  ISOLE MINORI: CONCLUSA GARA PER NAVI ED ALISCAFI

Chista si chiama meravigghia!

 

 

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI