LA “SCRITTORA” CINZIA ALIBRANDI E LA SUA “PORTA APERTA SULLO STRETTO”

Presentato e a cura della scrittora Cinzia Alibrandi, torna a Messina, presso il Riva in via Consolare Pompe domani  8 Agosto alle  18.30, dopo il successo di “Stretto nel cuore” del 2019, un nuovo evento intitolato “Porta aperta sullo stretto”, organizzato e realizzato dal team “Royal party” di Maddalena Palamara, con Loredana Cordopatri, Federica Finocchiaro, Isabella Palamara, Cinzia Gozzi, Emanuela Cento.

La serata ha come parola d’ordine “unicità”, in un filo conduttore che racconta di una mentalità che è una “porta aperta” che non deve separare, ma unire.

Come dice Luigi Epicoco, “non siamo chiamati ad essere uguali agli altri. Siamo chiamati ad essere unici in qualsiasi ambito della nostra vita.” Quale concept della kermesse, viene esposta l’installazione simbolo “PORTA APERTA”, dal colore rosso fuoco, su cui campeggia la parola “IO AMO”, nata da un’idea di Cinzia Alibrandi, su progetto dell’architetta Maddalena Palamara, e realizzata con Loredana Cordopatri.

LEGGI ANCHE  LE DONNE DEL VINO AL FIANCO DEL CIRS CASA FAMIGLIA CON UN WINE LUNCH SOLIDALE

Si inizia con l’intervista di Cinzia Alibrandi agli ospiti d’onore, e coppia emblema, che si spende da anni per l’affermazione dei riconoscimenti dei diritti civili: Sergio Lo Giudice, già senatore e responsabile nazionale del “dipartimento dei diritti civili” del Pd, ed oggi Capo di Gabinetto del Sindaco di Bologna, e l’avvocato Michele Giarratano, attivista che si occupa di temi legati alle discriminazioni e ai diritti delle famiglie.

A seguire una sfilata divisa in cinque quadri, intrecciati dal filo rosso ed inclusivo dell’amore: la canzone di Freddie Mercury “I want to break free”, ai tempi censurata, nel cui video il gruppo dei Queen veste al femminile; i cartelloni parlanti e i modelli che sfilano con le scarpe spaiate a simboleggiare un interscambio amoroso; i bambini con gli occhiali e il messaggio “io ci vedo bene perché ho gli occhi sul mondo”; la parata di “uomini senza tempo: siamo solo persone”, e a chiusura le note dei The Blues Brothers in “Everybody Needs somebody to Love”: tutti hanno bisogno di qualcuno da amare, perché l’esigenza dell’amore costruisce il nostro cuore, e si integra in un abbraccio con il mondo.

LEGGI ANCHE  L'OSPEDALE PAPARDO CAMBIA NOME E LO SCEGLIERANNO I CITTADINI

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI