“INTOLLERANZE ELEMENTARI” IL LIBRO CHE SUPERA I LUOGHI COMUNI ARRIVA AL MAREFESTIVAL

Donne maltrattate, vittime di sopraffazioni, amori discriminati, omofobia, scontri tra genitori e figli, vite straniere alla ricerca di un futuro migliore.

Sono le “Intolleranze elementari” che la scrittrice romana Elisabetta Darida ha raccontato nel suo ultimo libro, che sarà presentato dall’Università di Messina, a Salina, nell’ambito dell’XI edizione di Marefestival Premio Troisi.

L’appuntamento, nella seconda giornata della manifestazione, venerdì 24 giugno, si terrà al Centro congressi di Malfa alle 19 e vedrà la partecipazione del rettore Salvatore Cuzzocrea e del prorettore Giovanni Moschella.

L’impegno dell’Ateneo

L’ateneo messinese ha dedicato l’ultima inaugurazione dell’Anno Accademico proprio al tema della lotta contro ogni forma di violenza, grazie alla presenza della giornalista Rula Jebreal, che ha ricevuto un dottorato honoris causa.

LEGGI ANCHE  MAREFESTIVAL SALINA PREMIA PUPI AVATI

Ora la suggestiva cornice dell’isola di Salina con l’evento, di cui è direttore artistico il giornalista Massimiliano Cavaleri, sarà l’occasione per riflettere ancora una volta su questi argomenti trattati dall’autrice del romanzo, edito da L’Erudita, e già presentato di recente a Roma nella Galleria del Cardinale di Palazzo Colonna.

Venti racconti di chi ha subito soprusi

Si tratta di venti racconti che vedono protagoniste persone che hanno subito discriminazioni, violenze, soprusi, oppressioni, che non sono state accettate per la loro presunta “diversità”, frutto di retaggi culturali e sociali, pregiudizi, luoghi comuni.

Lì dove abitudini e convinzioni, a volte anche inconsapevoli, diventano sottili lame capaci di infliggere dolori e compromettere la serenità d’animo che dovrebbe accompagnare la vita di ciascuno di noi. 

LEGGI ANCHE  MANGIATORELLA: L'ACQUA UFFICIALE DI MAREFESTIVAL 2021

Le tante intolleranze quotidiane

“Intollerante è chi si arroga il diritto di scegliere per gli altri – spiega la Darida – le tante intolleranze subite e inflitte quotidianamente, che scaturiscono dalla difficoltà di accettare l’altro, il più delle volte sono piccole, elementari appunto, e si infiltrano inarrestabili, nutrendosi di cliché, frasi fatte, gesti inconsapevoli divenuti abitudini o convinzioni. A volte, però, sfociano in tragedia…”.

Venti storie che si intrecciano tra loro: vicende a tratti commoventi, per altri versi ironiche, divise tra tragico e comico ma unite da un comune denominatore narrativo: far riflettere il lettore sul rispetto dell’individuo, sulla necessità di un amore che deve poter essere libero, senza se e senza ma.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI