UN’ESPERIENZA FUORI..CLASSE

Let’s embrace everybody” (Abbracciamoci tutti!), questo il titolo del progetto biennale che ha visto come  filo conduttore la tematica dell’inclusione, di volta in volta declinata in tutte le sue diversità dalla lingua agli aspetti sociali, culturali, giuridici ed economici.

Le tematiche del bullismo, della discriminazione, dell’isolamento, della disuguaglianza di genere e sociale sono state analizzate nei vari contesti regionali e portate alla conoscenza delle altre realtà costituendo terreno fertile di confronto e spunto per un comune impegno di superamento, dando spazio soprattutto all’ importanza della diffusione dello studio della lingua inglese come potente veicolo di scambio interculturale a favore della più ampia integrazione.

Gli studenti dei vari paesi membri del progetto (Portogallo, Norvegia, Romania, Bulgaria, Turchia, Italia) hanno sempre liberamente interpretato le tematiche caratterizzanti i diversi momenti di incontro attraverso presentazioni di video, pezzi (pieces) teatrali, interviste, diapositive e giochi interattivi interamente autoprodotti sotto la guida del team di docenti e condivisi con gli altri gruppi di lavoro.

LEGGI ANCHE  LA SCUOLA IN CARCERE ACCANTO ALLE DONNE CONTRO TUTTE LE VIOLENZE DI GENERE

Lo spirito Erasmus ha esteso il suo entusiasmo in tutti i Paesi anche alle famiglie degli alunni, coinvolte a pieno titolo nel progetto, che hanno ospitato con grande senso di accoglienza i ragazzi stranieri coetanei dei figli.

Per lo Jaci le attività legate all’accoglienza si sono concentrate nel mese di novembre 2022, quando le varie delegazioni sono state ospiti dell’Istituto, delle famiglie e dei nostri apprezzatissimi luoghi.

Gli sforzi organizzativi e di contenuto sono stati più che compensati dal ritorno di esperienze, emozioni e arricchimenti culturali provenienti da tutti i gruppi europei.

Oltre a godere della fattiva partecipazione e del supporto dell’intera compagine della scuola guidata dalla Dirigente scolastica Maria Rosaria Sgrò, dalla vice dirigente Prof. Mattia Morasca e dalla DGSA Maria Rita Vita, il gruppo di lavoro del progetto Erasmus + K2 è stato coordinato dal Prof. Giulio Chiofalo e composto dalle docenti Domenica Ricca, Marina La Rocca e Eva Catanese ed ha ricevuto il costante e proficuo supporto della Prof.ssa Paola Lucchesi (in qualità di coordinatore prima e di  docente esperto quest’anno) la quale ha collaborato alla perfetta riuscita dell’iniziativa.

LEGGI ANCHE  UNIPEGASO MESSINA: ECCO LE OPPORTUNITA' PER INSERIRSI NELLA SCUOLA ED AUMENTARE IL PUNTEGGIO

Il momento conclusivo di un progetto è quello in cui si tirano le somme e si confrontano costi, sforzi, fatiche e benefici. Al netto di tutto ciò, il profondo significato che il team dell’Erasmus+ rileva come tratto indelebile risulta essere il valore dell’abbraccio inclusivo che senza dubbio ha gettato un seme e sta operando nei giovani e negli adulti che hanno portato avanti l’esperienza.

Contribuire a formare delle persone aperte e pronte a dialogare, comprendere ed accogliere rappresenta pertanto il senso educativo e il grande valore da coltivare sul cammino della Pace tra i popoli.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI