CON INCASTRATI 2 FICARRA E PICONE TORNANO SU NETFLIX

Presentata in anteprima a Roma Incastrati 2, la seconda ed ultima stagione della prima serie scritta, diretta e interpretata da Ficarra e Picone, su Netflix dal 2 marzo. La seconda stagione di Incastrati comincia laddove era finita la prima, e cioè con Salvo (Ficarra)e Valentino (Picone) in pericolo di vita, intrappolati in una serie di vicende all’interno delle quali è difficile districarsi senza ferire i sentimenti delle persone che amano.

A complicare le cose, una sequenza infinita di colpi di scena e novità tra cui un duplice omicidio dietro il quale si nasconde un uomo misterioso, l’arrivo di malavitosi stranieri, le complesse indagini sul “caso dell’omicidio Gambino” che non trovano soluzioni, i rapporti di coppia sempre più burrascosi fra Salvo, Valentino e le rispettive compagne, interpretate da Marianna di Martino (Agata Scalia) e Anna Favella (Ester). Nel cast anche Tony Sperandeo (Tonino Macaluso, detto “Cosa Inutile”), Maurizio Marchetti (Portiere Martorana), Domenico Centamore (Don Lorenzo, detto “Primo Sale”), Sergio Friscia (Sergione) e Mary Cipolla (Signora Antonietta) e Rossella Leone, oltre a Leo Gullotta (Procuratore Nicolosi).

Anche in Incastrati 2 si ride delle situazioni surreali e delle gag di Ficarra e Picone e del resto del cast, ma soprattutto si ride della mafia e dei mafiosi: il thriller si mescola infatti alla commedia e l’ironia sui boss e su Cosa Nostra lascia spesso spazio a omaggi sentiti e sinceri a chi la mafia l’ha combattuta con la vita. “I mafiosi non amano farsi prendere in giro, loro si prendono molto sul serio – ci racconta PiconeNoi abbiamo cominciato a farlo da Nati stanchi, e abbiano continuato con La matassa, è l’unico modo che conosciamo. Ogni tanto però mettiamo da parte l’ironia e affrontiamo il tema un po’ più seriamente, come facemmo anche nel nostro pezzo ‘io mi vergogno  di essere siciliano, io sono fiero si essere siciliano’ che gira ancora su YouTube, e grazie a Dio metà di quel monologo oggi non lo scriveremmo più. Siamo andati avanti, siamo tutti figli di quelle stragi di mafia, molti sono persino diventati magistrati in seguito a quelle stragi”.

LEGGI ANCHE  NETFLIX – IL RITORNO DE LA CASA DI CARTA

In una puntata di Incastrati 2 abbiamo avuto anche il piacere di ospitare la teca della macchina della scorta di Falcone – rivela Ficarrain un’altra abbiamo citato un discorso di Borsellino, nella location della questura abbiamo ricostruito una lastra di marmo con i nomi di tutti i caduti per mafia e quelli delle forze dell’ordine“. “Noi cerchiamo di non far dimenticare  – aggiunge Piconeanche perché i ragazzi nati dopo le stragi non sanno quello che è successo. e anche una serie TV può dare l’occasione di parlarne”.

In Incastrati 2  si ironizza però anche molto sulla spettacolarità del giornalismo, come Ficarra e Picone avevano già fatto ne L’Ora legale, e sulla morbosità in genere dell’immagine, e agganciarsi all’attualità più stretta è un attimo:  “non so se la realtà sta superando la fantasia in fatto di morbosità – dice Picone –  ma non avevo certo bisogno dei selfie della De Filippi alla camera ardente del marito per rifletterci, perché qualche anno fa mi sono operato, ero ancora in anestesia e mi hanno chiesto un selfie, non so se era lo stesso fan della De Filippi, ma è successo per davvero…

Un’esperienza positiva quella della serialità televisiva, si potrebbe anche continuare su quella strada: Incastrati nasce già come un progetto di sole due stagioni – puntualizza Ficarraper noi è la serialità è stato un modo per affrontare in un’altra maniera lo stare in scena, di avere la possibilità di un tempo più lungo e di poter portare avanti i personaggi in una nuova forma. Una cosa che volevamo sperimentare e Netflix ce ne ha dato la possibilità. Sapere poi che la serie esce in 190 paesi dà un piccolo brivido…

LEGGI ANCHE  SQUID GAME: LA SECONDA STAGIONE SI FARÀ

Intanto per loro ancora cinema, dopo il grande successo de La Stranezza che li ha visti coprotagonisti a fianco di Toni Servillo: “per noi comandano le storie – spiega PiconeIncastrati per esempio non poteva andare al cinema. Quella della serialità è stata un’esperienza che comunque vorremmo ripetere, ci è piaciuta molto, ma solo se incontreremo una storia che varrà la pena di raccontare in una nuova serie”. “Torneremo però al cinema a Natale con il nostro nuovo progetto – annuncia Ficarra – il successo de La Stranezza è stato dovuto a un insieme di cose che ha coinvolto il pubblico, non eravamo soli però, c’era un grande attore come Toni Servillo, un grandissimo regista come Roberto Andò e una storia molto affascinante”. Aggiunge Picone: “incontro ancora persone che mi parlano con grande entusiasmo de La Stranezza, un film che ha una sua magia e quindi ha colpito l’immaginario e ha portato la gente al cinema, cosa di cui siamo molto contenti. Ecco, La stranezza andava visto al cinema…

Patrizia Simonetti

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI