ALBERTO URSO: MESSINA TI AMO foto

Era molto atteso il concerto di Alberto Urso in Piazza Duomo a Messina e le attese non sono state deluse.  Nella sera  in cui il Teatro Vittorio Emanuele  era sold out per la prima del “Mamma Mia” Alberto Urso ha gremito Piazza Duomo.

Non capitava da tempo di assistere a questo di genere di sovrapposizioni a Messina.

Alberto come detto ha affollato la piazza della cattedrale. Fans sono giunte anche dalla Calabria e dalla Sicilia, il richiamo per assistere finalmente ad un suo concerto era irresistibile.

Urso ha cantato con voce sicura, quella che abbiamo imparato a conoscere sin dal 2019 con la vittoria ad Amici ed ha spaziato fra il suo repertorio e tanti brani della musica internazionale.

LEGGI ANCHE  TORNA LA MESSINA FAMILY CARD: DAL 17 MAGGIO LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Accompagnato dalla sua band ha esordito in “Show must go on”, per poi proseguire con “Who wants to live forever”, con i quali ha reso omaggio ai Queen dell’indimenticato Freddy Mercury

Poi i grandi classici della storia della canzone italiana che lui ha sempre dimostrato di amare tantissimo come “ O sole mio” e  “Malafemmina”.

Legatissimo alla sua famiglia, Alberto ha ricordato il grande affetto che lo legava alla nonna scomparsa da alcuni anni e come “guest star” ha accolto sul palco la sorella Ramona  con la quale ha cantato.

Anche il sindaco di Messina Federica Basile è salito per un saluto e per ricordare come Urso sarà con la sua amusica un ambasciatore della città di Messina.

LEGGI ANCHE  COPPEDE’, L’APERITIVO NEL CENTRO STORICO A MESSINA

Del suo repertorio, non potevano mancare “Il sole ad est” interpretato al Sanremo 2020 e poi “accanto a te” e “l’amore si sente”.

Alberto di recente ha abbracciato l’avventura dei “Tenors” il gruppo internazionale con i quali è in tournè in Canada ed in altri paesi nel mondo.

Qui può esprimere la sua voce bella e piena, ma gli auguriamo anche un ritorno nelle scene pop dove, anche con i suoi primi album, ha dimostrato di poterci stare bene con le canzoni giuste scritte per lui.

Foto Giovanni Isolino.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI