AOU G. MARTINO: UN AMBULATORIO DI TECNODIPENDENZA PER I GIOVANI VITTIME DEL WE

Presentati al convegno “Usa il cervello per non cadere nella rete” i risultati dell’attività progettuale PSN realizzata in due anni dalla U.O.C. di Psichiatria.

Uscire fuori dalle mura dell’ospedale e avviare attività di screening e prevenzione costruendo percorsi di cura ambulatoriale per giovani vulnerabili, vittime dei pericoli del web.

È quanto è stato realizzato in questi due anni dall’unità di psichiatria dell’AOU “G. Martino”, diretta dalla Prof.ssa Anna Muscatello, nell’ambito del PSN finanziato di cui è referente scientifico la Prof.ssa Melania Mento.

Il progetto, destinatario di un finanziamento regionale, ha permesso di sviluppare – in collaborazione con alcuni istituti scolastici del territorio – uno screening sui comportamenti a rischio in rete, sviluppando in parallelo una corretta informazione e diffondendo buone prassi.

LEGGI ANCHE  COVID. ANCHE AL POLICLINICO DI MESSINA POSSIBILI LE CURE CON ANTICORPI MONOCLONALI

I risultati sono stati presentati in occasione del Convegno centrato sul Progetto “Usa il cervello per non cadere nella rete: attività di prevenzione e denormalizzazione dei comportamenti a rischio in rete e Internet addiction”, presso il Palazzo dei Congressi dell’Azienda Ospedaliera Universitaria.

La metodologia è stata focalizzata sul riconoscimento precoce dei campanelli di allarme: un lavoro informativo sul campo che ha coinvolto oltre agli studenti target del progetto, docenti e genitori con l’intento di aiutare gli adulti a riconoscere segnali precoci e comprendere come sostenere i propri studenti e figli per non cadere in trappole del virtuale, a volte con alti costi sul benessere emotivo e psicologico, oltre che di rischio suicidario.

LEGGI ANCHE  IL CIRS LANCIA IL PROGETTO DI UN PALAZZO DELLE DONNE

Il team di psicologia clinica, coordinato dalla Prof. ssa Melania Mento, con l’aiuto delle borsiste psicologhe Rossella Alfa, Amelia Rizzo e Irene Pagano Dritto, ha condotto negli ultimi due anni, gli incontri informativi e preventivi nelle scuole ed è stato parallelamente avviato un ambulatorio dedicato per i casi particolari in cui era necessaria un’attenzione clinica e di trattamento.

L’attività ambulatoriale di tecnodipendenza è centrata sulla tardo-adolescenza e l’età giovanile e insiste all’interno dell’Unità di Psichiatria dell’AOU “G. Martino”. Si tratta di un servizio innovativo, avviato proprio grazie a questo progetto, dove è possibile ricevere una risposta di trattamento, laddove spesso una famiglia con un figlio adolescente si sente smarrita.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI