A CAPO PELORO LA XX EDIZIONE DELL’HORCYNUS FESTIVAL

Domenica 9 ottobre a Capo Peloro torna “Orizzonti – Transizione ecologica e giovani generazioni”, la XX edizione dell’Horcynus Festival nella sua versione autunnale. Come già quella estiva, l’edizione d’autunno accompagna le linee del nuovo Piano Strategico del Distretto Sociale Evoluto e si occupa anche di lotta alle diseguaglianze e al mutamento climatico.
Gli eventi di domenica 9 ottobre avranno come filo conduttore il Mediterraneo e l’area dello Stretto di Messina, due elementi da sempre al centro dei percorsi e delle sperimentazioni promossi dalla Fondazione Horcynus Orca e dall’Horcynus Festival.

E a trent’anni dalla scomparsa di Stefano D’Arrigo e a dieci da quella di Vincenzo Consolo, la serata sarà dedicata a questi due autori messinesi che hanno saputo raccontare in modo straordinario la dimensione mediterranea e la sua realtà composita.

Alle 18.30 l’autrice e fumettista messinese Michela De Domenico presenterà il suo nuovo graphic novel “Nel ventre dell’Orca” (Mesogea Cartographic), opera ispirata al celebre romanzo di Stefano D’Arrigo. Dialogheranno con l’autrice: Moshe Khan (traduttore tedesco dell’Horcynus Orca) in collegamento da Berlino; sempre in collegamento Elettra Stamboulis, direttrice della collana Mesogea Cartographic e Silvio Perrella, in presenza (comitato di redazione Mesogea). Modera l’incontro Caterina Pastura. Per l’occasione, Michela De Domenico esporrà otto tavole originali del libro.

LEGGI ANCHE  NADIA TERRANOVA ALL'HORCYNUS FESTIVAL CON TREMA LA NOTTE

 

“Nel ventre dell’Orca” è un’opera di invenzione che ha come principale protagonista proprio Moshe Khan, in viaggio negli stessi luoghi del romanzo. Moshe, per meglio entrare nello spirito del libro e riuscire a restituirne l’unicità anche in un’altra lingua, si stabilisce nel borgo marinaro di Torre Faro, a Messina. Tenta, da traduttore, l’azzardo di abitare il proprio e un altro mondo, un’altra Storia, di ascoltarne e restituirne le voci. Ma già durante il viaggio verso la Sicilia, personaggi e situazioni del romanzo lo risucchiano in un’atmosfera onirica e, fin dal momento in cui sbarca in città, il confine tra la vita reale e le pagine del libro si fa sempre più indistinto trascinandolo, come le correnti dello Stretto, in un gorgo di immaginario e ragione da cui rischia di essere travolto.

LEGGI ANCHE  REGIONE SICILIA, ARRIVA IL FONDO UNICO PER LO SPETTACOLO

 

A seguire, nel suggestivo cortile interno della Torre degli Inglesi, andrà in scena “Racconti da camera”, di e con Salvatore Arena e Massimo Barilla e con le musiche originali di Luigi Polimeni. Si tratta di un dialogo postumo tra Stefano D’Arrigo e Vincenzo Consolo in cui Mana Chuma Teatro – che produce il lavoro – omaggia, attraverso un immaginario dialogo tra i due autori, legati da numerose corrispondenze e affinità, la miglior letteratura contemporanea, che proprio nella lettura poetica del paesaggio e del territorio ha trovato linfa vitale e alimento visionario. Lo spettacolo si inserisce all’interno di EPIC (Esperienze Performative di Impegno Civile), un progetto Mana Chuma Teatro sostenuto dal Fondo Unico per lo Spettacolo del Ministero della Cultura e dal Comune di Messina.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI