IL MUSEO DELLA FAUNA DELL’UNIVERSITA’ DI MESSINA PRESENTA “MARE MITO MESSINA”

Senza memoria del passato non si ha consapevolezza del presente e si rischia di ipotecare il nostro futuro.

Ciò vale tanto per le persone quanto per le comunità. Vale dunque per Messina e per chi conosce poco la sua storia o ritiene che non valga la pena curarsi di avvenimenti e personaggi ed identità lontane nel tempo.

Oggi Messina è alla costante ricerca di quest’identità.

ed il suo mare ne è testimone rispettoso ed esigente. È dovere di tutti  fare sì che Messina incarni sempre di più lo spirito dei tempi passati con coraggio e consapevolezza per ricostituire la sua identità collettiva più autentica,

 La natura e il mare possono aiutarci in tutto questo.

LEGGI ANCHE  TROPEA, LA PERLA DEL TIRRENO CONCORRE PER "IL BORGO DEI BORGHI 2021"

Poiché, come sostengono i più grandi architetti, artefici di mille ricostruzioni, l’uomo è l’architetto minore che deve ascoltare gli architetti maggiori: il sole. il vento, l’acqua e l’ombra.

Il Museo della Fauna dell’Università di Messina,  impegnato nella diffusione e nella divulgazione di tematiche riguardanti l’ambiente, ma anche la cultura in senso lato propone una rassegna dal titolo: “Mare, Mito, Messina”.

Prevede sette incontri culturali il cui scenario è rappresentato dal nostro mare relativi a tematiche inerenti l’ambiente appunto ma anche la letteratura, lo spettacolo ed il turismo.

La formula  mira alla riscoperta di “luoghi magici” della città, per cui la rassegna non avrà una location fissa ma sarà itinerante e all’aperto in piazze, vie e borghi così da valorizzare.

LEGGI ANCHE  LA LUPA INONDA E AFFASCINA LO STRETTO DI MESSINA - Foto

Scienza, letteratura, storia e spettacolo con protagonista il mare mitico dello stretto che ogni giorno ci ricorda le nostre origini e ci indica la strada per il futuro.

Per l’organizzazione e la gestione degli eventi è stato  istituito un comitato tecnico scientifico composto Prof Filippo Spadola, Direttore del Museo della Fauna dell’Università degli Studi di Messina, dal dott. Mauro Cavallaro, Conservatore del Museo della Fauna, dal Prof. Filippo Grasso, Delegato del Rettore alle  Iniziative Scientifiche nel settore del turismo del nostro Ateneo, dal Dott Giuseppe Ruggeri, giornalista e vicepresidente dell’ “Associazione Medici Scrittori Italiani” e dalla Dott.ssa Milena Romeo, giornalista e presidente dell’Associazione “Cara Beltà”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI