ORSINI E BRANCIAROLI AL VITTORIO EMANUELE CON “POUR UN OUI OU POUR UN NON”

“Pour un oui ou pour un non” è la commedia che va in scena al teatro Vittorio Emanuele domani sabato 21 maggio e domenica 22 maggio. Protagonisti Umberto Orsini e Franco Branciaroli con la regia di Pier Luigi Pizzi. La commedia è una produzione della Compagnia Orsini e del teatro de Gli Incamminati in collaborazione con il Centro Teatrale Bresciano.

La commedia di Nathalie Sarraute, una delle più importanti scrittrici francesi della seconda metà del novecento e che ha occupato un posto importante nell’alchimia tra teatro dell’assurdo e teatro del quotidiano, mette al centro della scena la forza delle parole in una ragnatela di incomparabile abilità.

LEGGI ANCHE  UNIME: AL VIA LA QUARTA EDIZIONE DELLA SCUOLA DI ECCELLENZA

Due amici che si ritrovano dopo un non motivato distacco si interrogano sulle ragioni della loro separazione e scoprono che sono stati i silenzi tra le parole dette e soprattutto le ambiguità delle “intonazioni” a deformare la loro comunicazione aprendola a significati multipli e variati.

 

Ogni “intonazione” può essere variamente interpretata dalla disposizione d’animo di chi l’ascolta. Questo è il tema centrale di “Pour un oui ou pour un non” titolo che si può semplicemente tradurre con “Per un sì o per un no” ma che in realtà significa molto di più e che nella nostra lingua ha solo un’apparente valenza speculare.

“Per un sì o per un no” è quel nulla che può cambiare tutto, quel nonnulla che provoca lacerazioni profonde, ferite insanabili. La prosa della Sarraute, nella sua complessità, è un banco di prova per due manipolatori della parola quali Franco Branciaroli e Umberto Orsini che si ritrovano sulla scena dopo tanti anni per dare vita con la loro abilità al terribile gioco al massacro che la commedia prevede.

LEGGI ANCHE  NAXOSLEGGE 2021: UN MESE DI LIBRI, INCONTRI CON AUTORI E...SPETTACOLO

A guidare questo gioco sarà uno dei maestri indiscussi dello spettacolo, Pier Luigi Pizzi, che ritorna al suo antico amore per la prosa ben noto a chi lo ricorda tra i collaboratori più assidui della “Compagnia dei giovani” fin dai sui inizi.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI