incentro-gif.gif

BALLARÒ, IL MERCATO DELLE ABBANNIATE (FOTO)

Arrivando a Ballarò, il mercato accoglie subito il visitatore con le abbanniate o le vuciate, il caratteristico richiamo dei venditori per cercare di far avvicinare gli avventori ai loro banchi. Frasi colorite, spesso incompressibili, cantilene divertenti, urlate a voce piena da ambulanti e venditori per promuovere frutta, verdura, ortaggi, carne, pesce e spezie provenienti da tutto il mondo.

Il mercato più antico di Palermo

Un po’ suk, un po’ mercato del pesce dove si trova anche frutta e verdura proveniente dalle campagne palermitane, Ballarò è un mercato vivace e colorato che offre sapori e colori incredibili come racconta con le sue foto Lorella Aiosa. Si sviluppa nel quartiere dell’Albergheria ed è il mercato più antico di Palermo. Nei suoi vicoli si respira l’atmosfera popolare, è il mercato dei palermitani che si è dato una vocazione turistica aprendosi ai visitatori e affiancando ai banchi del mercato, piccole trattorie per fermarsi per un pranzo veloce cosi come è stato fatto alla Vucciria, l’altro mercato storico di Palermo.

Un incrocio di etnie

Passeggiando nei vicoli di Ballarò sui banconi è possibile trovare primizie di ogni genere ma anche frutta e verdura proveniente dall’Africa e dall’Asia. Il mercato è infatti un crocevia di etnie che sono riuscite a mescolarsi in un mix perfetto e affascinante. Ci sono tanti banchi gestiti da nordafricani e asiatici che espongono la loro cultura culinaria con frutti tropicali e ortaggi dai nomi poco conosciuti ma anche abiti e tessuti dai colori sgargianti. Non mancano i sapori tipici palermitani, i mazzi di origano profumato, il finocchietto per arricchire la pasta con le sarde e poi le arance ed i limoni, oro della Sicilia, ed i melograni da gustare in succo sul posto. Al mercato di Ballarò è possibile trovare anche piccoli utensili per la cucina e per la casa.

LEGGI ANCHE  SICILIA: RITROVATO UN RELITTO ROMANO NEI FONDALI DELL'ISOLA DELLE FEMMINE

Dal kebab allo sfincione, l’apoteosi dello street food

Non mancano i sapori tipici palermitani, con il purparo e le sue specialità a base di polpo e poi ci sono gli invitanti piatti di pesce crudo e cotto, come la frittura di calamari oppure i frutti di mare da mangiare crudi. Passeggiando per Ballarò si possono gustare le tante specialità dello street food palermitano ma anche di quello internazionale. La scelta è ampia tra un kebab e uno sfincione  ma anche tra un panino con la meusa e le immancabili panelle, crocchè, arancine, cazzilli e molto altro ancora. Infine per chi ama i dolci  può gustare la morbidissima ricotta dei cannoli decorati con frutta candita e granella di pistacchi.

LEGGI ANCHE  LA VUCCIRIA PORTA L’OLIO SICILIANO NEL MONDO CON UNA SPECIALE LIMITED EDITION

A Ballarò ci si aiuta sempre

Paradiso dei buongustai del cibo di strada, Ballarò è una meta impedibile per chi visita Palermo. Tra le urla dei venditori per promuovere i loro prodotti, i colori, i profumi di piatti prelibati, la folla rumorosa, ci si sente trasportati in un vortice di odori e sapori che coinvolge e rapisce, ci si sente più generosi e aperti alla vita come gli abitanti del quartiere pronti a darsi una mano nei momenti di difficoltà perché come dicono da quelle parti a “Ballarò ci si aiuta sempre”.

Foto di Lorella Aiosa.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI