IL RITORNO DI STRISCIA LA NOTIZIA

Reduce dai molti successi dello scorso anno – tra cui le inchieste sul bar posto all’interno dell’agenzia delle entrate di Roma che non emetteva gli scontrini, sui maltrattamenti nei Cpr e sulla pubblicità occulta al festival di Sanremo, solo per citarne alcune – Striscia la notizia, il tg satirico di Antonio Ricci torna quest’anno, lunedì 25 settembre, per la 36esima edizione.

E si prepara a una grande festa perché il 7 novembre festeggerà 35 anni di impegno civico e sociale al fianco dei cittadini, riconfermandosi il programma satirico di informazione da Guinness, il più longevo al mondo per numero di puntate. Dietro al bancone c’è la coppia, ormai affiatatissima, formata da Alessandro Siani e Vanessa Incontrada, al terzo anno insieme. Confermate anche le Veline, la mora Cosmary Fasanelli e la bionda Anastasia Ronca, e la collaudata squadra degli inviati sparsi per l’Italia, che ogni giorno scendono in strada, rischiando botte e insulti, per smascherare abusi e soprusi con le loro inchieste. Inchieste che nascono anche dalle migliaia di segnalazioni inviate dai telespettatori che si rivolgono, spesso esasperati, al tg satirico per denunciare ingiustizie e truffe. Quest’anno Striscia la notizia – in onda dal lunedì al sabato alle ore 20.35 su Canale 5 – è appunto la voce della veggenza.

«La veggenza, il vedere e dire prima, è ormai una caratteristica consolidata di Striscia la notizia», spiega Antonio Ricci. «Dal rivelare prima i vincitori di Sanremo a palesare la Terra dei Fuochi, dal fenomeno delle plusvalenze nel calcio all’invasione del granchio blu: argomento esploso quest’estate, ma del quale i nostri Ciovani consulenti scientifici under 14 si erano occupati già 2 anni fa. Abbiamo svelato i trucchi dei borseggiatori, quelli delle mascherine anti-Covid e del Superbonus. Sono anni che insistiamo, su segnalazione dei cittadini, affinché tutti gli spazi vengano recuperati dal degrado e dall’illegalità: eravamo a Caivano con Don Patriciello prima che il Parco Verde fosse tristemente conosciuto da tutti».

LEGGI ANCHE  GERRY SCOTTI E MICHELLE HUNZIKER TORNANO A "STRISCIA"

Striscia, ricordiamo, è stata “veggente” anche nell’applicazione delle nuove tecnologie come l’Intelligenza Artificiale: primo programma televisivo al mondo ad autoprodurre un deepfake, imitazione digitale che torna anche in questa edizione numero 36 con nuovi personaggi. Da Luciano Spalletti, ct della Nazionale, all’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri. Intelligenza Artificiale che è stata applicata anche per girare lo stacchetto delle Veline, trasformate dall’algoritmo nella loro versione cartoon.

Già pronti con i loro servizi gli inviati storici: Valerio Staffelli, Moreno Morello, Max LaudadioVittorio BrumottiJimmy Ghione, Stefania Petyx con il suo inseparabile bassotto, Luca Abete, Antonio Casanova, Luca Galtieri e Capitan Ventosa (Fabrizio Fontana), Marco Camisani Calzolari (MCC). In prima linea anche i più “giovani”: Chiara Squaglia, Rajae Bezzaz, Pinuccio (Alessio Giannone), Roberto LipariRiccardo Trombetta, Angelica Massera Andrea Rivera.

Confermate le rubriche “Striscia lo striscione” e “Striscia il cartellone” di Cristiano Militello, “Paesi, Paesaggi…” di Davide Rampello“Speranza verde” di Luca Sardella. E naturalmente “Ambiente Ciovani”, con il team di giovanissimi esperti formato da Gabriele Scola, Silvia e Serena Mauri, Federico Tomasi e Christian Alfaroli. Mentre “Capolavori italiani in cucina” di Paolo Marchi diventa da quest’anno “Capolavori del mondo in cucina”. Ritorna anche l’immancabile appuntamento con Highlander Dj e i suoi videoclip musicali in cui fa cantare (e forse anche parlare, che tecnicamente è un’impresa) politici e non solo.

LEGGI ANCHE  FELICISSIMA SERA AL GRAN FINALE

Ai nastri di partenza anche i trasformisti: Dario Ballantini, che debutta nei panni del ministro cognato Francesco Lollobrigida, Beppe Grillo (Sergio Friscia), Valeria Graci e il Vespone (Gianpaolo Fabrizio). Mentre Giuseppe Longinotti debutta come imitatore nei panni della segretaria del PD Elly Schlein. Nuova anche la sigla di chiusura del programma, dal titolo “App-Però”.

Oggi, giovedì 21 settembre, è stata inaugurata anche una targa in onore di Gianfranco D’Angelo – primo conduttore di Striscia insieme a Ezio Greggio e protagonista di Drive In – a cui è stata intitolata la piazza dove sorgono gli studi del tg satirico. Per l’occasione erano presenti anche gli autori storici di Drive In, trasmissione che compie 40 anni il 4 ottobre, Lorenzo Beccati, Max Greggio, Gino Vignali e Michele Mozzati, i Gialappa’s Giorgio Gherarducci e Marco Santin, Gennaro Ventimiglia, oltre alle figlie di Gianfranco D’Angelo: Daniela e Simonetta.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI