IL MARE NEL PIATTO: LA PASTA GAMBERETTI E CALAMARI DI FILICUDI

 

Basta poco per tornare in vacanza. I piatti della cucina eoliana ci riportano attraverso il gusto alla straordinaria bellezza delle nostre Isole: natura incontaminata, paesaggi che tolgono il fiato e le le prelibatezze che arrivano dal mare e dalla terra, come nel caso della ricetta della pasta con i gamberetti di nassa, calamaro e patata. A proporla è Giusi Murabito  di Walking Eolie, portale che si occupa di turismo esperienziale nelle isole ed  autrice con Saverio Bruno del libro “La cucina delle Donne”, storie e ricette preparate dalle donne di Filicudi che accolgono i turisti italiani e stranieri.

La ricetta della pasta con i gamberetti, calamaro e patata lega il mare e la terra di filicudi, “mi ricorda Siccagni- racconta Giusi Murabito- dove nel passato si coltivavano le patate e si pesca ancora oggi come allora: con le nasse i gamberetti e con la canna o con gli artificiali i calamari”.

Ecco come prepararla:

LEGGI ANCHE  MALVASIA E SESAMINI: IL MATRIMONIO IDEALE DELLE EOLIE, LA RICETTA PER PREPARARLI

Ingredienti per 6 persone

1/2 kg Gamberetti di nassa

300 gr di calamaro

Capperi a piacere

1 patata

Olio evo q.b.

Preparazione

1. La sera prima o al mattino presto mettere i capperi in acqua a dissalare. Devono dissalare almeno 3 ore.

2. Tagliare la patata a pezzetti piccoli piccoli, e anche il calamaro.

3. Togliere ai gamberetti coda e testa. I gamberetti di nassa si possono mangiare con la buccia che resta tenerissima.

3. Mettere a soffriggere in un tegame con olio d’oliva prima la patata, poi i calamari e poi i gamberetti. Pochi minuti.

4. Aggiungere un pò di acqua e lasciare cucinare 10 minuti.

5. Aggiungere i capperi.

6. Cucinare fino a quando il calamaro e la patata non risulteranno morbidi alla forchetta.

LEGGI ANCHE  CARONTE & TOURIST ISOLE MINORI: "ECCO ORARI E TARIFFE. CONFERMIAMO IMPEGNO FINO AL 30 SETTEMBRE"

7. Cuocere la pasta in una pentola a parte e completare la cottura nel tegame con gli ingredienti mantecando con l’acqua di cottura della pasta.

Servire calda. Buon appetito!

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email