A. M. JACI MESSINA, IL PRIMO ISTITUTO SUPERIORE CON L’APP

È una delle prime scuole in Italia a dotarsi di uno strumento interattivo ed attuale, un’esperienza di  gestione, comunicazione e formazione senza eguali.

La nuova applicazione è stata presentata, non a caso, durante la prima giornata di open day dell’Istituto Superiore A. M. Jaci. Un richiamo di immediata reperibilità che, oltre a coinvolgere chi già fa parte della comunità scolastica, rappresenta un’occasione per conoscere l’offerta formativa dello Jaci. Una scuola dinamica, al passo coi tempi, in continua evoluzione che offre l’opportunità di svariati percorsi di studio di alto livello.

Oggi le app di ogni tipo sono installate su tutti i dispositivi compatibili ed utilizzate senza sosta, per diverse ore. Con lo smartphone, un incrocio tra un telefono cellulare ed un piccolo computer, che ormai fa parte della nostra vita quotidiana, siamo sempre raggiungibili e connessi. Ovviamente, i giovani sono gli utenti più attivi e riescono a cogliere ogni opportunità offerta dalla tecnologia. Con l’app dello Jaci, gli studenti saranno sempre in comunicazione con la scuola e gli insegnanti e, soprattutto, impareranno tanto.

La dirigente scolastica, prof.ssa Maria Rosaria Sgrò ed il direttore dei servizi generali e amministrativi, dott.ssa Maria Rita Vita, hanno accolto immediatamente la proposta di realizzare l’app dello storico Istituto di Messina. Un progetto che, prossimamente, sarà replicato e presentato ad altre realtà scolastiche. Ma nessun app sarà uguale all’altra perché verrà personalizzata, di volta in volta, dalle richieste degli stessi utenti.

L’applicazione è stata materialmente realizzata dalla GrowApp S.r.l., l’azienda che digitalizza i Comuni in tutta Italia.  Una società siciliana che fornisce app alle pubbliche amministrazioni e sulla base di questa consolidata esperienza ha esteso la proposta anche alla scuola.

<< Le app non sono contenitori fine a se stessi – evidenzia il dott. Giancarlo Campisi, amministratore di GrowApp S.r.l. – devono essere riempiti di contenuti. Sono strumenti bidirezionali che servono ad interagire e trovare risposte immediate, non sono siti dove si va semplicemente a guardare. Noi vogliamo interessare i ragazzi, sono loro gli attori protagonisti e devono indicarci cosa vogliono trovare nell’app. Ce ne sono di bravissimi e vorremmo coinvolgerli, insieme agli insegnanti, in una sorta di staff redazionale che gestisca l’applicazione con noi.

LEGGI ANCHE  È ALLARME PER GLI AGENTI DI COMMERCIO: "IMPOSSIBILE LAVORARE E ACCEDERE AI RISTORI"

La nostra web agency offre, naturalmente, il supporto tecnico e punta tutto sulla gestione. Nei prossimi giorni, organizzeremo con la scuola un gruppo che si occuperà di implementare l’applicazione insieme a noi. In passato, abbiamo già realizzato dei progetti di alternanza scuola-lavoro ed abbiamo insegnato agli studenti come si realizzano le app.>>

COME SCARICARE L’APP

L’app può essere scaricata in tre modi: Play Store per quanto riguarda dispositivi Android, App Store per prodotti Apple ed un QR Code. Quest’ultimo, se inquadrato, apre un URL ovvero un indirizzo internet che consente di fruire dell’app senza scaricarla. Si può cliccare direttamente istitutosuperioreamjaci.istituti.eu

<< I giovani hanno una particolare ritrosia a scaricare un’applicazione che non sia la loro, quella del momento, il gioco o la chat – continua Campisi – perché normalmente i telefonini dei ragazzi sono pieni di video, foto, musica e così via. Intanto utilizzano le funzioni dell’applicazione da un URL che non prende spazio in memoria e magari il download dagli Store arriverà in un secondo momento quando si accorgeranno che l’app è utile e serve. Una fase intermedia che funziona, un avvicinamento all’utilizzo dell’app scaricata ed installata che, certamente, fornisce tutta una serie di funzioni ed informazioni  in più. >>

FUNZIONALITA’ E SEZIONI

Al momento, aprendo la schermata iniziale dell’applicazione si troveranno diverse sezioni. In “Istituto” sono raggruppati tutti i canali istituzionali, si può scaricare il calendario scolastico, ottenere i contatti della scuola e tanto altro. Nella parte “Didattica” ci sono i vari indirizzi di studio, la modulistica, i libri di testo, i progetti, etc. La sezione “News” raggruppa tutte le notizie che provengono dal sito dell’Istituto e dagli altri canali social. “Eventi” può essere consultata per individuare le manifestazioni, aggiungerle al calendario dello smartphone, condividerle ed ottenere la geolocalizzazione.

LEGGI ANCHE  NUOVE OCCASIONI PER I GIOVANI CON GLI OPEN DAYS DELL' ISTITUTO SUPERIORE JACI

<< A differenza del sito – sottolinea Antonio Parlavecchio, responsabile commerciale e referente del progetto per GrowApp – nell’app ci sono le notifiche ‘push’ ovvero la possibilità da parte della scuola di comunicare una notizia importante, con tutti quelli che l’hanno scaricata. Ricordando, per esempio, assemblee, scioperi, uscite anticipate ed eventi grazie alla segnalazione automatica delle informazioni inserite sulla dashboard, che fanno scattare le notifiche.

Di recente abbiamo inserito una nuova funzionalità del carattere urgente, attraverso Telegram. Può utilizzarla il dirigente scolastico, o la persona incaricata, in caso di emergenza ed è necessario raggiungere quelli che hanno scaricato l’app. Viene inoltrata a tutti in sonoro, anche se le impostazioni sono silenziate, proprio per arrivare con certezza e nel più breve tempo possibile agli interessati. >>

SPAZIO GIOVANI

L’app consente un aggiornamento continuo e, sicuramente, tra qualche tempo sarà completamente diversa rispetto a come si presenta adesso. Il coinvolgimento di studenti e corpo docenti per sviluppare nuovi contenuti e funzionalità, rende il progetto innovativo. Si partirà lavorando con gli studenti, dal terzo anno in su e si creeranno dei gruppi di lavoro, con la possibilità di ottenere anche crediti formativi.

Intanto, è presente sull’app “Spazio Giovani”,una sezione fortemente voluta dal Ceo di GrowApp, Giancarlo Campisi. Con un click si possono raggiungere tutti i portali istituzionali di maggiore interesse per i giovani, con particolare attenzione al futuro. Comprende tre sottosezioni: “The future is here” che raggruppa tutte le opportunità formative e lavorative per i giovani dai sedici anni; “Your skills your future” per promuovere competenze ed ottenere certificazioni digitali e linguistiche; “Young Culture” che raccoglie tutti gli eventi di particolare attrazione tra i quali Giffoni Film Festival, Lucca Comics & Games, Spoleto Festival e tanti altri.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI