ACHILLE BONITO OLIVA AL CONVEGNO SULLA CULTURA SICILIANA

L’Isola plurale. La cultura siciliana e le altre”, è il tema del convegno che si è svolto all’università che ha visto la presentazione del periodico bimestrale “Lyceum – La Scuola delle cose”, edito da più di un anno dall’omonima Associazione culturale di Oliveri, che per Statuto si prefigge di operare su tutto il territorio provinciale.

Il convegno è stato organizzato da Concetta Parrinello, ordinaria di Diritto privato e Presidente del CUG UniME e moderato da Francesco Pira, delegato alla comunicazione dell’Ateneo.

Dopo i saluti di Francesco Astone, direttore del dipartimento di Giurisprudenza, sono intervenuti lo storico dell’arte, critico e curatore contemporaneo Achille Bonito Oliva, il Direttore Responsabile ed Editoriale della rivista Gino Di Maggio e Nino Sottile Zumbo, gli artisti Emilio Isgro’ e Ugo Nespolo e il filosofo Carmelo Strano.

LEGGI ANCHE  TEST D'INGRESSO IN MEDICINA: ERSU MESSINA LANCIA IL CORSO ONLINE

Il periodico è stato realizzato come strumento di comunicazione necessario per rapportarsi anzitutto con il territorio, con lo scopo, così come hanno riferito i suoi direttori Gino Di Maggio e Nino Sottile Zumbo, di concentrarsi sullo studio critico della cultura siciliana in un confronto proficuo soprattutto con le culture altre di cui la Sicilia si è nutrita e che ha metabolizzato.

Il giornale, non localistico, si propone ai lettori come un laboratorio di ricerca e dibattito delle idee e coinvolge studiosi, artisti e scienziati a livello nazionale ed internazionale.

Vi  hanno già scritto tra gli altri: Teresa Pugliatti, Luigi Ferlazzo Natoli, Achille Bonito Oliva, Enzo Soresi, Giovanni Lista, Giovanni Cattaneo, Franco Brambilla, Arnaldo Pomodoro, Martina Treu, Roberto Barni, Carmelo Geraci, Marco Rustioni, Ugo Nespolo, Felice Cimatti, Fabio Rodriguez Amaya, Ferdinando Scianna, Dominique Stella, Antonio Natali, Jack Wassermann, Gianluca Ranzi.

LEGGI ANCHE  DAL 20 AL 22 OTTOBRE A MISTERBIANCO "FIERA DIDACTA" SICILIA

È pubblicato in due versioni: una con i numeri arabi ( ne sono già stati prodotti 8 numeri) e l’altra caratterizzata da numeri romani. Questa seconda versione avrà un carattere monografico e si occuperà degli eventi espositivi che l’Associazione Lyceum produrrà nella sua sede di Oliveri, o di eventi particolari che coinvolgeranno artisti e musicisti, e che potranno essere promossi da enti terzi e tenersi altrove.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI