incentro-gif.gif

“QUARTO SAVONA 15” IN MEMORIA DEL GIUDICE FALCONE

E’ impressionante quell’ammasso di lamiere contorte di quel che resta della Fiat Croma blindata da tutti ormai conosciuta come “Quarto Savona 15” tratto dal nome della sigla radio attribuita agli uomini della scorta del giudice Falcone.

La gente si ferma ad osservarla in silenzio. Oggi come ieri, nonostante siano passati ben trent’anni da quel tragico 23 maggio 1992 è ancora attonita,  sbigottita,  turbata. La  gente guarda quel che resta dell’auto, scatta qualche foto e si sofferma a leggere quanto scritto nei pannelli laterali della teca.

Questi riportano la storia e il profilo dei tre coraggiosi e valorosi poliziotti che hanno dato la vita per lo Stato per proteggere il giudice  Giovanni Falcone.

La  nuova struttura della teca è dotata di  un monitor incorporato, in cui scorrono le immagini della strage di Capaci.  Nel foyer del teatro si trova  invece un’altra esposizione che racconta trent’anni di indagini, di arresti e blitz contro la mafia.

LEGGI ANCHE  UN BRINDISI PER CHI?

La mafia ha distrutto un’auto ma non il lavoro e la memoria degli uomini.

La Croma del giudice Falcone infatti continua a camminare in tutta Italia grazie  all’impegno della Polizia di Stato e di Tina Montinaro, vedova dell’agente di scorta Antonio Montinaro. Ovunque afferma il significato della memoria e l’impegno contro la criminalità organizzata.

Per anni i resti della vettura sono stati custoditi dall’autocentro della Polizia di Messina ed esposti solo il 23 maggio in occasione dell’anniversario della strage di Capaci, adesso “Quarto Savona Quindici” continua la sua missione per ricordare Giovanni Falcone, il magistrato che con le sue indagini insieme al giudice Borsellino (anch’egli assassinato) inflisse i primi durissimi  a “cosa nostra.

LEGGI ANCHE  MESSINA, SCADE STANOTTE LA ZONA ULTRA ROSSA DI DE LUCA: COSA CAMBIA

La teca e la mostra saranno in esposizione al Vittorio  Emanuele fino a sabato 15 gennaio.

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI