ANNALISA MADRINA DEL ROMA PRIDE: PER ME UN SOGNO CHE SI AVVERA

Abbiamo incontrato Annalisa, madrina del Roma Pride 2024 che celebra il suo trentennale, e che domani, sabato 15 giugno, la vedrà protagonista della grande parata dei carri che partirà da Piazza della Repubblica per poi sfilare per le strade della Capitale.

Sono onorata di poter dare il mio contributo in questa giornata così importante – ha detto in apertura della conferenza stampa, presente anche il portavoce del Roma Pride, Mario Colamarino – celebrare insieme i trent’anni del Roma Pride sarà speciale e soprattutto un’occasione unica per attirare l’attenzione, ancora una volta, sui diritti della comunità Lgbtqia+ e di tutti. Sarà una grande festa in onore della libertà di essere, concetto per me centrale nelle canzoni e nella vita, per una società che possa dirsi civile. Quindi grazie immensamente per questo invito che mi emoziona e riempie di orgoglio come poche cose al mondo”.

Domani, sul carro a inizio parata, canterai la tua Sinceramente, un inno pop alla libertà:

Ognuno deve essere libero di vivere la propria vita come ritiene, nel momento in cui è felice e in cui tutte le persone intorno sono felici – spiega Annalisaè un principio di totale accoglienza. E il fatto che ancora questa scelta non sia tutelata è un problema che bisognerà risolvere in tutti i suoi aspetti in un futuro che spero prossimo“.

LEGGI ANCHE  FANTASANREMO, COME INVESTIRE I “BAUDI” NEGLI ARTISTI PIU’ ATTESI

A volte i messaggi importanti veicolati dalla musica più fresca e popolare, possono raggiungere davvero il cuore delle persone, soprattutto dei giovani. E il Roma Pride può fungere da ulteriore cassa di risonanza. Chiediamo quindi ad Annalisa se in questo suo ruolo di artista, si sente addosso un po’ di responsabiità:

Partecipare come madrina al Roma Pride è per me la concretizzazione di un sogno – ci risponde – Per una come me che fa musica leggera e pop ma cercando di dire qualcosa, è davvero importante, è una cosa grande, perché vuol dire anche che qualcosa ha funzionato. Certo, un po’ di responsabilità la sento e me la prendo volentieri”.

Non è facile in questo periodo parlare di uguaglianza, libertà e diritti uguali per tutti a prescindere dal sesso, dall’orientamento sessuale e dalla scelta di genere, che clima si respira e che sensazione si prova?

LEGGI ANCHE  ANNALISA, LA REGINA DEL POP ITALIANO E…DELLA GIARRETTIERA

Sono preoccupata e anche dispiaciuta perché trovo veramente incredibile che ancora oggi, nel 2024, certi temi non siano scontati. Per me è scontato che ogni persona debba avere la libertà di scegliere ome vivere la propria vita ed essere tutelata in questo; è talmente facile che trovo scontato che tutti debbano pensarla così. Però a volte i problemi possono essere trasformati in opportunità. Quindi il fatto di essere qui e poterne parlare con l’accoglienza che contraddistingue questo mondo e questa comunità, penso possa essere da esempio perché il resto del mondo sia accogliente allo stesso modo“.

Dopo aver sfilato alla Grande Parata, e aver cantato non solo Sinceramente ma anche Mon Amour, Annalisa si esibirà sul palco del Rock Me Pride, all’Ippodrommo delle Capannelle, con le sue hit più celebri.  Tra gli ospiti anche BigMama e Sarah, fresca vincitrice dell’edizione di Amici appena conclusa.

Patrizia Simonetti

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI