PREMIO ADOLFO CELI, CULTURA E SOLIDARIETA’ IN FAVORE DEL CIRS

Ai nastri di partenza la IV edizione del Premio Adolfo Celi, promosso dal C.I.R.S. con il patrocinio del Comune di Messina, dell’Assessorato regionale al Turismo Sport e Spettacolo, dell’Assessorato regionale ai Beni Culturali e Identità siciliana e del Nuovo Imaie, e con la partnership del Cesv Messina ETS.

L’iniziativa si svolgerà, da venerdì 30 giugno a domenica 2 luglio, tra l’Università di Messina, il Marina del Nettuno Yachting Club e il Museo regionale.

Ricchissimo il programma:

 Il 30 giugno, grazie al protocollo d’intesa siglato dal Cirs e dall’Università di Messina si svolgerà nell’Aula Magna dell’Ateneo a partire dalle 10.00 e fino alle 18.30 una giornata di approfondimento su “Messina nel Cinema”.

Dopo i saluti istituzionali, si alterneranno gli interventi del prorettore prof. Luigi Chiara, di Nino Genovese, storico e critico del Cinema, di Federico Vitella, docente UniMe, del regista Christian Bisceglia, di Mario Falcone, scrittore e sceneggiatore, di Filippo Grasso, docente UniMe e di Leonardo Celi, regista e figlio di Adolfo Celi.

A seguire una masterclass con la proiezione dei film “La villeggiatura” per la regia di Marco Leto e “Adolfo Celi un uomo per due culture” di Leonardo Celi. Verranno inoltre proclamati i vincitori del Concorso di cortometraggi bandito dal Cirs sul tema “Genere e generi, diversi ma uguali.

LEGGI ANCHE  R..ESTATE AL MUME: L’ARENA DEL MUSEO SI APRE ALLA CITTA’

Vivere la differenza come ricchezza” e proiettati i relativi corti. L’ingresso è libero ed aperto a tutti, agli studenti universitari verranno riconosciuti crediti formativi.

Il 1° luglio il Premio Adolfo Celi si sposterà al Marina del Nettuno, dove alle 19.00 si terrà la tavola rotonda dal titolo “La televisione strumento educativo per favorire l’emancipazione e superare le differenze di genere”.

Si confronteranno sul tema la senatrice Barbara Floridia, Presidente della Commissione di Vigilanza RAI, la presidente del Cirs Maria Celeste Celi, lo psicoterapeuta Mauro Cavarra, il produttore della serie Rai “Il paradiso delle signore” Giannandrea Pecorelli, presente con gli attori del cast Alessandro Tersigni e Pietro Masotti, Alexandra Celi, attrice e figlia del grande Adolfo ed Amy Pollicino, produttrice Rai. La tavola rotonda sarà moderata dalla giornalista Rai Antonella Gurrieri.

A seguire un concerto di archi curato da alcuni elementi dell’Orchestra Filarmonica di Giostra diretta da Giuseppe Lo Presti e un cocktail offerto dal Marina del Nettuno Yachting Club.

Il 2 luglio al Museo di Messina alle 20.00 il momento clou dell’evento, con il Galà solidale in cui verranno assegnati i Premi Adolfo Celi, che sarà condotto dai giornalisti Marika Micalizzi e Maurizio Licordari.

LEGGI ANCHE  LA GIORNATA DEI BENI CULTURALI IN SICILIA RICORDA SEBASTIANO TUSA

Sul palco ci sarà anche l’attrice Francesca Reggiani che si aggiunge alle altre star annunciate nelle scorse settimane: Luca Zingaretti e Antonella Attili, il regista Alberto Simone, il mecenate Antonio Presti, il produttore de “Il Paradiso delle signore” Giannandrea Pecorelli e lo scrittore e truccatore delle star Diego dalla Palma.

Un premio speciale verrà assegnato a Gianluigi Fogacci, attore e scrittore. Nel corso della serata sono previsti un momento musicale ed uno curato dalla “Libera compagnia del Teatro per sognare” dei detenuti- attori della Casa Circondariale di Messina. La compagnia è nata nel 2017 dal progetto “Il Teatro per Sognare” ideato da Daniela Ursino, operatrice culturale e presidente dell’Associazione D’aRteventi.

Verranno inoltre assegnati i “Premi solidarietà Cirs” a persone che si sono distinte per spirito di servizio ed attenzione al sociale.

Le targhe premio saranno offerte anche quest’anno dalla Gioielleria Sofia. Un prezioso contributo è stato dato dall’Istituto D’Arte Ernesto Basile di Messina i cui studenti della sezione scenografia hanno realizzato i premi per gli artisti.

L’intero ricavato dell’evento sarà devoluto al Cirs e destinato ai progetti di reinserimento lavorativo delle ospiti della casa famiglia.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI