PNRR: LE REGIONE CERCA 36 NUOVI PROFILI FRA ESPERTI ESTERNI

Via libera da parte della Regione Siciliana   alla revisione del Piano territoriale per gli esperti chiamati a coadiuvare la Regione e gli enti locali sul Pnrr.
La giunta regionale  ha approvato la proposta del dipartimento della Funzione pubblica per il reclutamento di ulteriori 36 figure professionali e la conferma delle 83 già impiegate dall’Amministrazione regionale durante il 2022 (per 76 delle quali il contratto scadrà il 31 dicembre), sostituendo però un profilo di ingegnere ambientale con un laureato in chimica.
Il Piano così rimodulato adesso dovrà essere approvato dal dipartimento nazionale della Funzione pubblica presso la Presidenza del Consiglio dei ministri. 

«La quantificazione degli ulteriori esperti da inserire – sottolinea l’assessore alle Autonomie locali e alla funzione pubblica, Andrea Messina – nasce dalla necessità di potenziare alcune aree di intervento.  Con l’approvazione da Roma potremo potenziare le strutture regionali e dare supporto agli enti territoriali per semplificare le procedure complesse e ridurre gli arretrati».

LEGGI ANCHE  IL COMUNE DI MESSINA INVIDIVIDUERÀ NUOVI CENTRI VACCINALI PER ACCELERARE LA CAMPAGNA

In particolare, i nuovi professionisti saranno inseriti nella seguenti aree: appalti gestiti dal Dipartimento regionale tecnico attraverso i nove uffici territoriali del Genio civile e in supporto ai Comuni (si prevede l’assunzione di tre architetti, tre ingegneri ambientali e tre ingegneri civili); l’ambito delle valutazioni e autorizzazioni ambientali (quattro ingegneri: uno idraulico, uno chimico e due ambientali); l’Autorità di bacino – Distretto idrografico della Sicilia (quattro geologi, due ingegneri civili e quattro ingegneri idraulici); l’Autorità regionale per l’innovazione tecnologica (sei ingegneri informatici come sviluppatori, analisti e sistemisti; due esperti giuridici in procedure di appalto e un avvocato esperto in diritto informatico); la Cabina di regia del Piano (un ingegnere gestionale, un esperto giuridico e due esperti nella gestione e monitoraggio di progetti complessi).

LEGGI ANCHE  DISSESTO IDROGEOLOGICO: MUSUMECI A PETTINEO ED A MOTTA D'AFFERMO
Il rinnovo dei contratti  avverrà sulla base della valutazione inerente al raggiungimento dei risultati previsti e le attività professionali svolte nel primo anno di attività. Per la stipula dei nuovi contratti, nel caso di sostituzione di un incarico cessato si attingerà alla graduatoria già predisposta o, se insufficiente, a ulteriori selezioni tra i professionisti già presenti nelle liste dei candidati; altrimenti si farà ricorso a nuovi avvisi emanati dal dipartimento della Funzione pubblica nazionale attraverso il portale Inpa.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI