NUOVI BANDI PNRR PER SVILUPPARE E RAFFORZARE L’IMPRENDITORIA SICILIANA

Me Style inaugura uno spazio tutto nuovo dedicato al mondo dell’economia, del fisco e delle imprese. Lo fa grazie al prezioso contributo di Maria e Daniela Totaro, stimate professioniste del settore e fondatrici di “Sistemia Creative Business Solution”, che eroga attività di consulenza e di supporto alle imprese e agli imprenditori, nel campo della progettazione europea e della finanza agevolata.

Da oltre 21 anni le consulenti informano, orientano, formano, progettano e realizzano interventi in qualunque ambito economico. Sono sportello informativo del PO FESR, accreditate dalla Presidenza della Regione Siciliana –  Dipartimento della Programmazione.   Il primo articolo che vi proponiamo riguarda le misure di prossima pubblicazione da parte della Regione Siciliana per favorire lo sviluppo dell’imprenditoria. Buona lettura!

 

Con l’iniziativa Competitività Sicilia, l’Assessorato alle Attività Produttive, Regione Siciliana, si pone l’obiettivo di rafforzare la competitività del sistema imprenditoriale siciliano, favorire lo sviluppo di poli di specializzazione e stimolare il riposizionamento di settori produttivi tradizionali, attraverso la prossima pubblicazione di tre interventi a sostegno diretto del sistema imprenditoriale per favorirne la crescita e lo sviluppo.

FARE IMPRESA in Sicilia (Fain Sicilia)

Obiettivo

Sostenere la creazione di nuove imprese e permettere l’emersione di una nuova generazione di imprenditori, in particolare giovanile e femminile, favorire la nascita di start up innovative, promuovere forme di autoimpiego a sostegno di politiche attive del lavoro, aiutare il passaggio generazionale di attività (artigiani, mestieri, etc.), evitare la dismissione di piccole imprese in crisi.

Soggetti beneficiari   

Sono soggetti beneficiari i giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni che:

  • intendono avviare una nuova attività e non hanno ancora costituito l’impresa;
  • la cui impresa è costituita da meno di 36 mesi.

Le imprese dovranno essere in forma di microimpresa o piccola impresa.

 Settori ammissibili

Sono finanziabili muove imprese che operano nei settori:

  • produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  • commercio di beni e servizi, compreso il franchising;
  • attività della filiera culturale, finalizzata alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico e prodotti e servizi per l’innovazione sociale.
LEGGI ANCHE  PALERMO ZONA ROSSA. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE FIRMA L'ORDINANZA

Spese ammissibili

Le spese ammissibili sono relative a:

  • ristrutturazione immobili (max 30%);
  • impianti, macchinari, attrezzature;
  • software, know how;
  • formazione specialistica (max 10%);
  • spese per la progettazione.

Investimento ammissibile

La spesa massima ammissibile è pari a euro 300.000,00.

Agevolazione

Contributo a fondo perduto sulle spese ammissibili:

  • pari al 90% per le imprese costituite da meno di 36 mesi;
  • pari al 75% per chi intende avviare una nuova attività e non ha ancora costituito l’impresa.

 Il contributo è concesso nei limiti previsti per gli aiuti di importanza minore “de minimis” in

applicazione dei REG (UE) 1407/2013 e 972/2020 (200.000 euro)

Risorse disponibili 26 milioni di euro.

Scadenza

Bando in prossima pubblicazione

RIPRESA Sicilia

 

Obiettivo

Rafforzare la competitività del sistema imprenditoriale siciliano e stimolare il riposizionamento di settori tradizionali, attraverso la realizzazione di investimenti tesi a sostenere la crescita e l’innovazione, agevolare i processi di trasferimento tecnologico, sostenere ricerca e sviluppo, favorire processi di riconversione e riqualificazione di siti produttivi.

Soggetti beneficiari   

Sono soggetti beneficiari la piccola e media impresa:

  1. in forma singola (impresa proponente);
  2. con l’adesione di altre piccole e medie imprese (impresa proponente con imprese aderenti in numero massimo di nr.3).

Spese ammissibili

Le spese ammissibili materiali ed immateriali sono relative a:

  • progettazione e direzione lavori (max 6% delle spese in opere murarie);
  • opere murarie e costi di ristrutturazioni (max 30%);
  • impianti, macchinari, attrezzature necessari al ciclo produttivo dell’impresa che possono permettere di introdurre innovazioni di processo e/o prodotto;
  • formazione specialistica del personale (max 20%), necessari per l’introduzione di macchinari/attrezzature/impianti innovativi/software/soluzioni tecnologiche;
  • software, brevetti, licenze e soluzioni tecnologiche, necessari alle esigenze produttive e gestionali;
  • interventi di ricerca industriale e sviluppo sperimentale;
  • consulenza in materia di innovazione, messa a disposizione di personale altamente qualificato;
  • programmi di internazionalizzazione, di marketing, e-business.

Investimento ammissibile

Programmi di spesa non inferiori a 500 mila euro e non superiori a 5 milioni di euro per progetti imprenditoriali integrati con progetti di ricerca e sviluppo a sostegno della valorizzazione economica dell’innovazione e dell’industrializzazione dei risultati della ricerca progetti imprenditoriali per nuove tecnologie o soluzioni innovative nei processi, nei prodotti/servizi e nell’organizzazione.

LEGGI ANCHE  SICILIA: AL VIA LE PRENOTAZIONI DEI VACCINI PER LE PERSONE DAI 70 AI 79 ANNI

Agevolazione

L’agevolazione concedibile è pari a max 75%, suddivisa in finanziamento a tasso zero e contributo a fondo perduto. Cofinanziamento dell’impresa beneficiaria non inferiore al 25% del programma di spesa ammissibile. Le agevolazioni sono concesse nei limiti previsti dal Regolamento 651/2014 art.14.

Risorse disponibili 36 milioni di euro.

Scadenza

Bando in prossima pubblicazione

 

CONNESSIONI – luoghi per l’innovazione

Obiettivo

Facilitare l’incontro tra domanda e offerta di innovazione, stimolare l’adozione di tecnologie avanzate, con particolare riguardo alla microimprenditorialità, promuovere imprenditorialità innovativa, sono concessi contributi a fondo perduto per realizzare o sviluppare luoghi di innovazione generativi, luoghi di produzione e di lavoro, che devono far convivere l’impresa e il giovane creativo, start up, eventuale coworking e fab lab.

Soggetti beneficiari   

Sono beneficiari le piccole e medie imprese, impegnate nella gestione di luoghi per l’innovazione.

Investimenti agevolabili

I programmi di spesa devono riguardare:

  • realizzazione di una nuova iniziativa;
  • ampliamento, sviluppo e miglioramento di iniziative esistenti tese a favorire la diffusione di tecnologie, in particolare digitali, trasferimento di conoscenze e competenze tecnologiche, promozione di imprenditorialità innovativa, creazione di network per l’innovazione, anche in partnership con università, centri di ricerca. Il programma di spesa può avere una focalizzazione settoriale, purchè coerente con la Strategia S3.

Spese ammissibili

Le spese ammissibili sono relative a:

  • adeguamento o ristrutturazione edilizia di immobili (max 30%), a condizione che il soggetto proponente disponga di un titolo giuridico dell’immobile che garantisca la disponibilità almeno di 5 anni;
  • progettazione e direzioni lavori (max 6%);
  • arredi, macchinari, strumenti, attrezzature, hardware;
  • portali, software, licenze d’uso di software, brevetti e know how;
  • animazione imprenditoriale necessaria all’avvio e dell’iniziativa;
  • spese di gestione (solo primo anno) max 7%.

Investimento ammissibile

Programmi di spesa non inferiori a 100 mila euro e non superiori a 800 mila euro.

Agevolazione

Contributo a fondo perduto nella misura massima del 50%.

Il contributo è concesso nei limiti previsti per gli aiuti di importanza minore “de minimis” in applicazione dei REG (UE) 1407/2013 e 972/2020 (200.000 euro).

Risorse disponibili 2 milioni di euro.

Scadenza

Bando in prossima pubblicazione

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI