BUON COMPLEANNO VESPA! A CELEBRARLA IL 28 E 29 MAGGIO IL VESPA CLUB TAORMINA

Prossimo appuntamento da non perdersi Profumo di Miscela, un evento dedicato all’iconica Vespa tra le vie di Taormina. Il presidente Francesco Cappello ci racconta dettagli e curiosità.

Profumo di Miscela sarà la terza edizione del raduno vespistico turistico che si svolgerà nella meravigliosa Taormina nell’ultimo weekend di Maggio, organizzato dal Vespa Club Taormina.  Già nel 2016 venne organizzata la prima edizione che riscosse un grande successo, nel 2018 a seguire la seconda edizione, nel 2020 ci sarebbe dovuta essere la terza edizione ma causa covid è stata rinviata proprio all’anno corrente. Nel frattempo cambio di timone nel club tra il fondatore e presidente onorario Nino Sidoti e l’architetto Francesco Cappello subentrato nel 2019. Un club che si è dimostrato attivo sia a livello nazionale che internazionale partecipando a diversi raduni. In questo momento c’è fermento nell’aria, un suono, il “ronzio” di un motore che sicuramente si farà notare per le caratteristiche strade di Taormina.  Proprio dal presidente del vespa club ci facciamo dire di più riguardo quest’importante evento.

“E’ un raduno di natura turistica iscritto al campionato nazionale e ragionale del Vespa Club d’Italia e questa terza edizione partirà proprio da Taormina. Già dal primo giorno sul corso verrà allestita un’interessante mostra statica “La vespa nel Cinema” a cura del vice presidente Mario Intilisano che ripercorrerà una decina di film dove la vespa appunto è stata protagonista come in Vacanze Romane con la Faro Basso, la Dolce Vita con la VNA 125, Sapore di Sale con la VBA 150, Caro Diario con la Sprint Veloce, E’ stata la mano di Dio con la PX150 ed infine l’ultimo film di animazione della Disney Luca con la mitica Vespa 50 N”.

Il presidente continua raccontandoci il programma “visita guidata tra i segreti e gli scorci di Taormina fino ad arrivare alla sera dove ci sarà un giro by night da Taormina a Castelmola. Il giorno dopo visiteremo la stazione ferroviaria Taormina-Giardini, la più bella d’Italia, in seguito in sella alle nostre vespe partiremo per un giro turistico con un inchino ad Isola Bella sino alle pendici dell’Etna per gustare il vino nerello cappuccio delle cantine Vagliasindi”  e sosteremo anche per un aperitivo a Mojo Alcantara.

LEGGI ANCHE  SALDI ESTIVI, IN SICILIA SI PARTE OGGI. LE 6 REGOLE PER NON FARSI “FREGARE”

Il movimento vespistico

La vespa raccoglie tanti appassionati in giro non solo per la nostra penisola, ma in tutto il mondo. Si contano nel 2021, solo al Vespa Club Taormina oltre 200 iscritti. In Italia ci sono circa 700 club per un totale di 68.000 appassionati. Tra cui proprio il presidente Cappello, candidatosi anche al Consiglio Nazionale del Vespa Club d’Italia.

Il presidente Francesco Cappello al Museo Piaggio di Pontedera.

“Il mio interesse per la vespa nasce nel lontano 2004 durante un Erasmus in Spagna. Un mio collega di corso mi fece avvicinare a questo mondo. E da quando presi la mia prima vespa, la 125 Primavera, via via la mia passione è aumentata. Sono sempre alla ricerca del pezzo più raro. Parteciperò anch’io al raduno di Taormina con la mia Vacanze Romane”.

Cosa appassiona maggiormente della vespa?

“La vespa è uno stile di vita. Rappresenta la rinascita ed il boom economico italiano. Tutto nasce dall’idea dell’ingegnere Corradino d’Ascanio e soprattutto dalla visione di Enrico Piaggio che ha creduto nel lontano  ’46 di  voler mettere in “moto” l’italia. Negli Stati Uniti si era già visto qualche esemplare di scooter ma si distanziavano da ciò che Enrico Piaggio voleva per il suo modello. Comodo, che non sporcasse gli abiti e lasciasse le gambe libere per mettere la borsa. Questo manubrio da bicicletta, il telaio con unica scocca in lamiera, il motore con raffreddamento ad aria, senza catena e olio, ruota posteriore diretta per avere tutta la potenza del motore. E’ giusto ricordare che la Vespa nasce dal recupero di ricambi presenti negli stabilimenti di Pontedera, come la forcella anteriore e il relativo ammortizzatore di tipo aereonavale, presi dai carrelli degli aerei o come lo stesso motore, che veniva utilizzato per la messa in moto dei motori stellari.”

Durante l’anno vengono organizzati tantissimi raduni, a partire dal classico giro relax domenicale con annesso caffè o granita e brioche. E poi quelli più impegnativi  divisi nelle diverse categorie, turistica, sportiva ed epoca, per ognuna delle quali ci sono degli appuntamenti fissi che riscuotono sempre grande partecipazione. Il vespa club Taormina partecipa sempre con entusiasmo e soprattutto, portando a casa importanti risultati.

La mostra statica del Vespa Club Taormina al Premio Madama 2019.

L’origine della Vespa

Lo scorso 23 aprile ha segnato un importante traguardo. Proprio in quella data del 1946 Enrico Piaggio depositò il brevetto della Vespa. Fu la nascita di un’epoca e del suo utilizzo in importanti pellicole cinematografiche oltre che in giro per le città. La Vespa però non riscosse subito un gran successo a livello di vendite ed il Presidente Cappello ci spiega l’aneddoto che portò alla sua fortuna:

LEGGI ANCHE  BORSA DELLA RICERCA IN.SICILY: AL VIA LA SELEZIONE DELLE 30 STARTUP PARTECIPANTI

“Inizialmente dopo la presentazione non piacque molto. I primi acquirenti della Vespa furono proprio i dipendenti dell’azienda. Fino a quando non ci fu l’intuizione geniale di Piaggio. In quegli anni a Roma, a Cinecittà ebbero inizio le riprese del film americano ”Vacanze Romane”, Piaggio si presentò con una Vespa 98 convincendo il regista all’utilizzo di un mezzo a due ruote, nuovo, innovativo, “moderno” e così portò sul set la Vespa. Era proprio la faro basso Vacanze Romane, che diventò un’icona grazie alla scena del film con Audrey Hepburn e Gregory Peck ”.

Ed il suo nome? Si dice che abbia preso questo nominativo proprio per la sua forma ma in realtà non fu così

“Fu chiamata Vespa perché quando nel 1946 quando D’Ascanio la presentò ad Enrico Piaggio, il suo rumore gli ricordò il ronzio di una vespa. La forma può anche ricordare l’insetto ma fondamentalmente è per il ronzio che Enrico Piaggio lo denominò VESPA”.

I modelli più famosi

La vespa si è trasformata nel tempo come non solo un mezzo di trasporto ma di uno stile di vita come ci diceva il presidente del Vespa Club Taormina. Sempre di più si è affermata nell’ambito del design italiano inserita in importanti mostre in diversi musei, come al Guggenheim di New York, per non parlare del suo utilizzo nel mondo della moda come la versione della maison francese Dior. Tra i modelli che sicuramente risultano i più venduti e conosciuti al primo posto la Vacanze Romane, poi la famosa 50 Special cantata da Cesare Cremonini e la ricercatissima 150 GS.

Le vespe d’epoca del Vespa Club Taormina all’evento Faro Basso Taormina 2019 alla partenza da Messina.

Dunque il terzo appuntamento con Profumo di Miscela sarà un’esperienza da non perdere. La location, il tuffo nel passato tra le mostre, il rumore inconfondibile della Vespa renderanno l’evento magico.

Mariacristina La Rosa

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI