TEMPO LIBERO? NO GRAZIE, NON HO TEMPO!

Presi come siamo dalle mille cose quotidiane, spesso ci dimentichiamo della cosa più importante: dedicare del tempo per sé stessi. Troppo spesso pensiamo che le ore della giornata non bastano a portare a termine tutte le incombenze giornaliere, travolti da ritmi di vita sempre più intensi.

I rumori del mondo coprono qualsiasi cosa, anche i messaggi che il nostro corpo tenta di inviarci. La pausa forzata a cui ci ha costretto il lockdown ci ha permesso di riscoprire suoni e colori che normalmente non riusciamo a cogliere. Rientrati nella routine precedente, “non ho tempo” è la frase che molti di noi pronunciano quotidianamente.

Passiamo da un impegno all’altro senza mai fermarci e chiederci: “in realtà io di cosa ho bisogno?” Il cosiddetto “tempo libero” ci sembra un lusso di cui pochissimi possono godere. La pandemia ha introdotto nella routine lavorativa incontri telematici che, se da una parte hanno accorciato le distanze ed hanno consentito di ampliare le possibilità di contatto anche con realtà molto distanti, dall’altro hanno aumentato il numero di impegni quotidiani.

Tutto questo ha ulteriormente ridotto il tempo per potersi occupare del proprio benessere psicofisico. In realtà, invece, dedicare tempo a sé stessi è importantissimo, perché permette di contrastare lo stress, che spesso si associa ad abitudini di vita disfunzionali, quali fumo, vita sedentaria, abitudini alimentari sbagliate.

Ovviamente dedicarsi del tempo significa sottrarlo ad altro e spesso il senso del dovere o i sensi di colpa ci impediscono di ritagliare una parte della giornata per pensare solo a noi stessi. Siamo, infatti, portati a pensare che sia tempo perso. In realtà è vero proprio il contrario. Tutti abbiamo bisogno di ricaricarci attraverso attività che ci fanno stare bene, solo così possiamo essere nuovamente disponibili ad occuparci di tutto ciò che la routine quotidiana ci chiede.

LEGGI ANCHE  SIAMO INFELICI, MA NON CE LA FACCIAMO A LASCIARCI

Il tempo da dedicare a sé deve essere una conquista alla quale ognuno ha diritto. C’è chi si dedica allo sport per restare in forma e scaricare le energie accumulate, chi si concede un massaggio rilassante o una seduta dall’estetista o dal parrucchiere, chi si rilassa col giardinaggio, chi cucina con passione, chi si diverte con il modellismo e chi si rigenera con il cinema o il teatro o semplicemente facendo una passeggiata magari in riva al mare.

Non importa quale sia l’attività che ci serve per ricaricarci, l’importante è non considerare tali attività di secondaria importanza. L’esperienza clinica rivela che molte persone hanno difficoltà a desiderare e ad avvicinarsi alle proprie emozioni e di conseguenza anche a ciò che può farle stare bene. Spesso la razionalità prevale sulla sfera emotiva e ciò porta a pensare che il tempo per sé sia un tempo sprecato. Tale atteggiamento a lungo andare porta a non desiderare più nulla, impoverendo di fatto la propria personalità. Essere vivi significa anche poter desiderare, potersi dedicare alle proprie passioni e alle proprie aspirazioni. I

l tempo scorre e spesso ci troviamo a vivere le nostre giornate come degli automi col rischio di avere un unico obiettivo: quello di concludere il prima possibile la giornata per potersi godere il meritato riposo. Purtroppo la routine crea assuefazione, si corre il rischio di ritrovarsi stanchi, arrabbiati e frustrati, senza nemmeno rendersene conto e senza capire il perché. Ritagliarsi del tempo significa volersi bene, prendersi cura dei propri pensieri e delle proprie emozioni.  Dovremmo imparare a fare ciò che ci piace.

LEGGI ANCHE  E – MOTION LANCIA I SUOI EVENTI DIGITALI

Questo è importante per il nostro benessere poiché attiva la parte più positiva e leggera che abita dentro di noi e che a volte fa fatica ad emergere. Se facciamo ciò che ci piace, anche il nostro aspetto esteriore né godrà perché è l’esatto riflesso del nostro mondo interno. Ricordiamoci che un sano egoismo è quello che ci consente di poterci occupare degli altri. Non sottovalutiamo infine il bisogno di riposo.

Ci sono momenti in cui è importante non fare niente, svuotare la mente e rilassarsi, imparando ad ascoltare il silenzio interiore senza averne paura. Dobbiamo imparare a valorizzare maggiormente il tempo per non rischiare di arrivare a fine giornata senza neanche renderci conto di come sia trascorsa, cercando di sottrarci alla trappola letale della routine.

Vivere, vivere

È come un comandamento

Vivere o sopravvivere

Senza perdersi d’animo mai

E combattere e lottare contro tutto contro

Oggi non ho tempo

Oggi voglio stare spento

Vivere, vivere

E sperare di star meglio

Vasco Rossi “Vivere”

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI