ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO: ARRIVA L’ATTESO “REBOOT” DI UN CLASSICO INTRAMONTABILE

Nel panorama moderno, tra film e telefilm che fanno della nostalgia il loro pane quotidiano, in un mare di remake, reboot e fan-service che talvolta riesce, arriva una nuova trasposizione della storica pellicola del duo Bud Spencer e Terence Hill.

Non un semplice Reboot all’italiana di un grande classico, ma un vero e proprio omaggio a un film storico: il 23 marzo torna nelle sale cinematografiche …Altrimenti ci Arrabbiamo film scolpito nei cuori e nelle memorie dei cinefili più nostalgici. L’obiettivo dei YouNuts (Antonio Usbergo e Niccolò Celaia) è quello di far rivivere ai fan affezionati le stesse atmosfere stile “birra e salsicce” e scazzottate dell’originale film con Bud Spencer e Terence Hill, rivisitando in una chiave più moderna a favore dei più giovani che forse non conoscono proprio l’originale; è proprio in questa chiave “intergenerazionale” che la nuova pellicola cercherà di fare il colpaccio, tentando di accontentare tutti, schivando le critiche e la diffidenza dei puristi della “Settima Arte”.

LEGGI ANCHE  E ANCHE QUESTA VOLTA SI SONO...ARRABBIATI

Dopo tanti anni di lontananza e dissapori, i fratelli Carezza (Edoardo Pesce) e Sorriso (Alessandro Roia) tornano a far squadra per recuperare quanto di più caro gli rimane come ricordo del padre: una Dune Buggy “rossa con cappottina gialla” finita nelle mani dell’avido speculatore edilizio Torsillo (Christian de Sica) spalleggiato da una banda di loschi e pericolosi motociclisti. I fratelli in questa impresa però non saranno soli ma saranno supportati dalla compagnia circense della tanto affascinante quanto pericolosa Miriam (Alessandra Mastronardi) messa in difficoltà proprio dai loschi affari di Torsillo.

Le atmosfere, lo stile e le interazioni tra i personaggi fanno ben sperare ai più coraggiosi che andranno a vedere il film sapendo che ci si trova davanti ad un omaggio, che senza troppe pretese e presunzioni vuole risvegliare una classica tipologia di pellicola, senza però snaturare troppo il clima e la storia in sé con quel tocco di modernità e rivisitazione che darà nuovo smalto ad un film leggendario. Tra Cazzotti, abbuffate improvvisate, inseguimenti e battute che vi faranno tornare indietro di 48 anni, il 23 marzo tutti al cinema e ricordate….venite, altrimenti…

LEGGI ANCHE  COMPARELLO BELLO: SEI NUOVE BIRRE ARTIGIANALI E UNA NOVITA’ OGNI MESE

….altrimenti si arrabbiano!

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI