AMORE, PERCHÈ MI HAI TRADITO?

 

Il tradimento è certamente una delle esperienze più temute e dolorose della nostra vita in generale e ancor più della vita di coppia. Tante sono le motivazioni per cui si tradisce.

Ma prima di analizzarle, vorrei porre l’attenzione sulla fedeltà. Spesso tendiamo ad idealizzare il concetto di fedeltà, non tenendo conto che, in casi estremi e con tutti i possibili gradi intermedi, c’è il rischio di passare dall’amore all’ossessione, dalla dedizione all’abnegazione o al fanatismo, in un continuum che va dalla fedeltà benigna (in cui prevale il desiderio di protezione) fino alla fedeltà maligna (in cui prevale l’ossessione per l’oggetto d’amore che viene vissuto come un qualcosa da possedere ad ogni costo).

La fedeltà eterna può inquietare

Certo quando iniziamo una relazione speriamo che sia per sempre. Ma essere fedeli per tutta la vita è in realtà un concetto che può inquietare. L’idea di votarsi incondizionatamente a qualcosa o a qualcuno per tutta la vita potrebbe essere vissuta come un’ipoteca sul futuro, come qualcosa di claustrofobico. Si può amare qualcuno per sempre ma non lo si può amare sempre:  “La capacità di essere discontinui nella relazione gioca un ruolo centrale nel suo mantenimento”, ci insegna il famoso psicoanalista O. Kernberg.

Un rapporto d’amore è in buona salute quando contempla la possibilità della sua fine. Per stare insieme è necessario essere capaci di separarsi. Per quanto l’altro possa essere sentito come unico, deve poter essere sostituibile. La capacità di cambiare oggetto è un ingrediente tanto importante nella vita amorosa quanto la capacità di mantenerlo.

LEGGI ANCHE  EFFETTI DA PANDEMIA SUI BAMBINI, COME AIUTARLI

Quanto più ci si sente parte di un progetto di vita che include il noi, il sentirsi famiglia, tanto più la fedeltà non si fissa esclusivamente sull’altro ma si trasforma in fedeltà a quel mondo che è nato dall’amore. Dunque più si investe in un progetto di vita familiare più è facile riuscire a rimanere fedeli.

Perché si tradisce?

Non soltanto perché si è attratti da un altro/a più bello/a, più interessante o più giovane, ma anche perché si è affascinati dal nuovo, dal proibito, dalla trasgressione. Quali sono dunque i motivi più comuni che conducono al tradimento?

  • Innanzitutto rendersi conto che è finito l’amore. Se non si ama più il partner si è certamente  più inclini al tradimento.
  • Si può tradire per fuggire da una realtà sentita troppo monotona o troppo carica di problemi e responsabilità. Una sorta di fuga dalla realtà.
  • Si può tradire per il piacere di trasgredire. Il desiderio è infatti alimentato da ciò che è proibito.
  • Ancora, si può tradire per ricevere conferme di essere ancora desiderabili e attraenti.
  • O per il desiderio di novità. Tutto ciò che conosciamo può alla lunga diventare monotono e noioso. La nostra mente ha bisogno di novità per mantenersi viva.
  • Il tradimento può avvenire per prendere le distanze da un rapporto sentito come troppo intimo. Chi vive il legame profondo come opprimente o chi non riesce a mantenere un legame stabile sarà più portato a tradire.
  • Un altro motivo che può portare al tradimento è la mancanza o la perdita dell’intesa sessuale col partner. L’attrazione fisica e l’intesa sessuale sono un elemento fondamentale in un rapporto di coppia.
LEGGI ANCHE  QUATTRO IDEE PER UN SAN VALENTINO ROMANTICO E GOURMET

È vero che non tutti intendiamo il tradimento allo stesso modo. C’è chi pensa che sia quello fisico e chi quello mentale, ma certamente non è facile perdonare il tradimento da parte del partner e riuscire ad andare avanti nel rapporto di coppia senza provare rancore e rabbia che alla prima occasione vengono fuori. Sono poche le persone che riescono a superare realmente un tradimento. Molto dipende dalla personalità di entrambi, dai propri vissuti e dalle motivazioni che hanno spinto al tradimento. In alcuni casi può essere utile una terapia di coppia, in altri il tradimento rappresenta soltanto l’epilogo di una relazione a cui non si riusciva a dire basta.

Signora Lia stasera

Stai con tuo marito

Sta’ tranquilla che non sa

Non sa che l’hai tradito

Ma stasera che hai capito

Di amare solo lui

Senti che hai sbagliato troppo ormai

Senti che hai sbagliato troppo ormai

“Signora Lia” Claudio Baglioni

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI