LE IENE RACCONTANO I “DUE ANNI DI COVID”

Questa sera, in prima serata su Italia1, Le Iene racconteranno i “Due anni di Covid”, attraverso uno speciale dedicato a salute e sanità. Contenuti inediti, interviste, testimonianze e immagini. Lo speciale – condotto da Gaetano Pecoraro e scritto da Riccardo Festinese – racconta i passi avanti fatti dalla scienza al fine di migliorare la nostra quotidianità. I vaccini, le terapie, il green pass e la quarta ondata, passando per le teorie complottiste dei no vax e no pass e alle loro continue manifestazioni.

In tre ore di trasmissione si analizza quello che è successo e come il virus è stato affrontato negli ultimi due anni delle nostre vite. Si traccia, inoltre, un bilancio del punto in cui, proprio ora, ci troviamo.

LEGGI ANCHE  AI MATRIMONI SI POTRÀ BALLARE, MA SOLO PER 15 MINUTI

Le Iene” tornano così ad occuparsi del Sistema Sanitario, nazionale ed estero, attraverso alcune eccellenze ospedaliere. I reportage sono girati all’interno dei reparti che utilizzano nuovissime tecnologie.

LA CRONISTORIA.

In onda anche tutta la cronistoria di questa pandemia a partire dal minuto 1, cioè dal 31 dicembre 2019. Fu quello il momento in cui in Cina ha iniziato a diffondersi una polmonite con un tasso di mortalità molto più alto del normale, fino alla creazione dei vaccini.

LE INTERVISTE.

Con interviste realizzate in collegamento con paesi al di fuori dell’Unione Europea, si prova a capire l’utilizzo dei vaccini, il loro funzionamento e anche perché sono così importanti e contestati allo stesso tempo. Spazio alle problematiche e alle contraddizioni delle campagne vaccinali. Laddove avanzano spedite, il numero di morti è sceso moltissimo. Questa è indubbiamente la chiave per uscire dalla pandemia. Tuttavia, ad oggi, il tasso di vaccinazione delle popolazioni africane è pari a meno del 10%, valore assolutamente sotto la soglia.

LEGGI ANCHE  CONTE HA FIRMATO IL NUOVO DPCM.

LA SINDROME POST-COVID.

Sempre sul tema, un punto sui reparti per Sindrome post-Covid, con le testimonianze di medici e pazienti, ammalati, guariti e che ancora oggi portano addosso gli strascichi, psicologici ma anche fisici, della malattia.

E ancora, un’inchiesta sulla medicina territoriale o di base, la nostra prima linea di difesa in materia sanitaria che però, a differenza di altri paesi e di fronte a quest’emergenza, sembra non aver retto.

le i

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI