IL FESTIVAL DI SANREMO LO VINCE….

Ha sempre amato il Festival, lo ha sempre ritenuto un appuntamento importante e quest’anno ci torna per la sua quinta volta, la prima con Amadeus.

Luisa Grasso, apprezzata violinista messinese, sarà fra i primi violini dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo  che dall’1 al 5 febbraio su Rai Uno accompagnerà i cantanti in gara al 72esimo Festival di Sanremo. A farle compagnia quest’anno il cane Crimì e la mamma Marisa con la quale nei rari momenti di relax si concede delle belle camminate fra passeggiata imperatrice e piazza Colombo.

Luisa Grasso vanta un’esperienza di rilievo. Ha partecipato  a prestigiosi eventi del Teatro Vittorio Emanuele di Messina ed al Teatro Antico per Taormina Arte. In alcuni di questi ha suonato  anche per Ray Charles, Lucio Dalla, Battiato Milva, Laura Pausini, Dionne Warvick e nei tour di Minghi e Gigi D’Alessio.

Da giorni prova e riprova le canzoni e ci svela quello che a breve sentiremo in tv. “Non c’è il brano che ti toglie il fiato, ma la qualità è mediamente alta.” Dichiara Luisa. “Ognuna è diversa dall’altra,  Giusy Ferreri potrebbe essere la sorpresa di questo Festival, il pezzo di Sangiovanni lo balleremo fino all’estate.”

LEGGI ANCHE  SANREMO: IN CLASSIFICA VINCONO ANCORA MAHMOOD E BLANCO

Come hai visto gli artisti in questi giorni?

“Sereni e molto concentrati come giusto che sia alla vigilia di un grande appuntamento,  Noemi  mi è sembrata un po’ tesa,  la Zanicchi è molto simpatica,  Emma e Gianni Morandi si sono mostrati molto cordiali, Ranieri è sempre Ranieri, molto compito con una canzone che gioca sulla sua grande teatralità ed una tematica sociale di rilievo.”

  • Per te è il primo ma per gli altri è il secondo Festival ai tempi del Covid? Come lo state vivendo?

“Siamo controllatissimi, suoniamo  proviamo distanziati e con la mascherina Ffp2 attaccata al viso, la Rai ha predisposto  un protocollo che stiamo osservando  rigidamente a cominciare dai tamponi ai quali spessissimo ci sottopongono.”

  • Hai già conosciuto Amadeus?
LEGGI ANCHE  SERATA COVER: MUSICA, JOVANOTTI E SANREMO SCOMPARE

“L’ho visto qui all’Ariston ed a Roma è venuto a trovarci in Rai durante le prove, ci ha voluto conoscere e ringraziare. Ama è come lo vedi in televisione, sorridente, solare, simpatico, vedremo però come sarà durante i giorni del festival, intanto posso dire che è un grande professionista.

 

La “pattuglia” dei siciliani nell’orchestra.

Oltre  a Luisa Grasso nell’ Orchestra Sinfonica di Sanremo militano anche Claudio Piro di Assoro in provincia di Enna al contrabbasso e Gaspare Maniscalco di Chiusa Sclafani comune del Corleonese in  provincia di Palermo al violino, entrambi vantano un’attività concertistica importante, un ulteriore riconoscimento alla  Sicilia artistica di qualità che da sempre “a Sanremo è di casa”.

 

 

 

 

.

 

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI