SE BELLA VUOI APPARIRE IL GREEN PASS DEVI ESIBIRE

Sono entrate in vigore le nuove regole per il possesso del Green pass.  Adesso è obbligatorio avere almeno il Green pass base anche per accedere ai servizi alla persona quali parrucchieri, barbieri e centri estetici. Non è necessario  essere vaccinati, occorre esibire  un tampone negativo valido. E le multe per i trasgressori sono salate:  da 400 a 1000 euro.

Grande fermento a Messina per l’entrata in vigore del provvedimento, ecco cosa ne pensano alcuni interessati.

Lucia Galofaro del Centro Benessere e Spa For ME Beauty e Relax

LUCIA GALOFARO, FOR ME BEAUTY & RELAX.

“Noi dobbiamo e vogliamo rispettare le regole, i nostri clienti ci hanno detto che così si sentono più sicuri.” Ha dichiarato Lucia Galofaro del Centro Benessere e Spa For ME Beauty & Relax. “Siamo nati in piena pandemia ed il nostro centro è stato concepito proprio per mantenere le distanze di sicurezza e la massima igiene. Utilizziamo prodotti monouso e facciamo in modo che i nostri clienti si sentano a loro agio. Certo non tutti sono contenti quando diciamo che il green pass è necessario e per questo motivo temiamo il sommerso che con le nuove regole potrebbe aumentare. Tuttavia la nostra clientela  era già soddisfatta delle nostre misure di sicurezza, adesso lo è ancora di più.”

LEGGI ANCHE  PARRUCCHIERI ED ESTETISTE #TagliatiFuori DALLA FASE 2. SCATTA LA PROTESTA
Costa Parrucchieri ed Estetica

MIRELLA COSTA PARRUCCHIERI ED ESTETICA.

Mirella Costa Parrucchieri Estetica “si era già portata avanti” nei giorni scorsi  con dei messaggi social aveva già preavvertito i suoi clienti. “Che piacciano o no le regole sono regole e vanno rispettate – ha detto. Personalmente però il sommerso lo temo. Nel momento in cui mi accorgerò che questo problema dovesse aumentare valuteremo come agire. Durante le chiusure io ho protestato per lavorare, avevamo fatto il gruppo #tagliati fuori, peraltro ancora presente e non voglio che questo diritto possa essere messo a rischio.”

Santo Tomasello – Barbere Doddis

BARBIERE DODDIS.

Santo Tomasello barbiere del negozio Doddis dice di non avere ancora  un riscontro preciso, anche lui  già prima  applicava tutte le regole di sicurezza. “E questo -ha aggiunto- ha fatto sempre sentire sicura la clientela. Sin dalla  prenotazione  ricordiamo le nuove disposizioni, fino a questo momento non abbiamo incontrato particolari resistenze. Forse qualche problema potremmo averlo con i bambini da 12 anni in su non sarà facile far capire ai genitori che adesso anche per loro servirà almeno un tampone.”

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI