REALTÀ VIRTUALE PER GESTIRE LO STRESS NEI GENITORI DI BAMBINI AUTISTICI

L’Irib Cnr di Messina sarà uno tra i primi centri in Italia a mettere in campo la realtà virtuale per aiutare i genitori di bambini e ragazzi autistici a gestire lo stress. In questi giorni partirà, infatti, la nuova sperimentazione clinica su un gruppo di genitori, per dimostrare gli effetti benefici di questa innovativa tecnologia.

“La condizione autistica mette a dura prova le dinamiche relazionali affettive del contesto familiare. Al contempo, genera una serie di sfide difficili da gestire per i genitori, nella loro quotidianità. Per questo con l’aiuto della Realtà Virtuale abbiamo creato un percorso per aiutarli a gestire le emozioni”. A dirlo Flavia Marino, psicologa dell’Istituto Irib Cnr di Messina, presentando il progetto scientifico con la Realtà virtuale che sta portando avanti, all’interno del Centro.

LEGGI ANCHE  DAD E PANDEMIA, LE CONSEGUENZE SULLA SALUTE MENTALE DEI PIÙ PICCOLI

“Negli ultimi anni – ha proseguito Marino – la Realtà Virtuale ha assunto un ruolo importante negli ambulatori di intervento psicologico. Lo scopo è di incrementare l’effetto dei protocolli tradizionali. La tecnica facilita l’esposizione graduale a stimoli che registrano stress, ansia o emozioni spiacevoli in generale. IRIB-CNR di Messina è uno dei pochi centri in Italia che ha a disposizione questa tecnologia integrata a biosensori che registrano i cambiamenti legati alle emozioni sul corpo”.

L’UTILIZZO DELLA TECNICA MINDFULNESS.

Lo scopo di questa ricerca è applicare le tecniche psicologiche che orientano la focalizzazione dell’attenzione sul momento presente (mindfulness) evitando che i pensieri ed emozioni spiacevoli siano invasivi. In particolare, queste tecniche saranno potenziate da percorsi virtuali che i genitori faranno attraverso visori di ultima generazione.

“Aumentare le nostre capacità percettive tramite le tecniche di mindfulness e la potenza degli stimoli virtuali permette alla mente umana di creare nuove tracce neuronali utili per regolare le emozioni spiacevoli”. A spiegarlo Antonio Cerasa, ricercatore dell’Irib Cnr nel campo delle Neuroscienze Traslazionali.

LEGGI ANCHE  IL PENSIERO ALLE COSE BELLE CONTRO LE NEGATIVITA’ E “LO STRESS DA COVID”

Giovanni Pioggia, responsabile della sede IRIB-CNR di Messina, spiega l’unicità del progetto rispetto ad altre tipologie di intervento che sono presenti nel panorama sanitario.

“IRIB-CNR si propone di attivare un nuovo servizio per i genitori dei bambini con autismo. Questo grazie all’applicazione di nuove tecnologie provenienti da settori innovativi delle neuroscienze e robotica per il benessere e la salute mentale. I percorsi psicologici collegati alle applicazioni tecnologiche di questa ricerca sono originali. Sono, infatti, frutto del lavoro dei ricercatori e degli informatici del Centro Irib di Messina”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email