REALTÀ VIRTUALE PER GESTIRE LO STRESS NEI GENITORI DI BAMBINI AUTISTICI

L’Irib Cnr di Messina sarà uno tra i primi centri in Italia a mettere in campo la realtà virtuale per aiutare i genitori di bambini e ragazzi autistici a gestire lo stress. In questi giorni partirà, infatti, la nuova sperimentazione clinica su un gruppo di genitori, per dimostrare gli effetti benefici di questa innovativa tecnologia.

“La condizione autistica mette a dura prova le dinamiche relazionali affettive del contesto familiare. Al contempo, genera una serie di sfide difficili da gestire per i genitori, nella loro quotidianità. Per questo con l’aiuto della Realtà Virtuale abbiamo creato un percorso per aiutarli a gestire le emozioni”. A dirlo Flavia Marino, psicologa dell’Istituto Irib Cnr di Messina, presentando il progetto scientifico con la Realtà virtuale che sta portando avanti, all’interno del Centro.

LEGGI ANCHE  CATENO DE LUCA AL POLICLINICO PER UN IMPROVVISO MALORE

“Negli ultimi anni – ha proseguito Marino – la Realtà Virtuale ha assunto un ruolo importante negli ambulatori di intervento psicologico. Lo scopo è di incrementare l’effetto dei protocolli tradizionali. La tecnica facilita l’esposizione graduale a stimoli che registrano stress, ansia o emozioni spiacevoli in generale. IRIB-CNR di Messina è uno dei pochi centri in Italia che ha a disposizione questa tecnologia integrata a biosensori che registrano i cambiamenti legati alle emozioni sul corpo”.

L’UTILIZZO DELLA TECNICA MINDFULNESS.

Lo scopo di questa ricerca è applicare le tecniche psicologiche che orientano la focalizzazione dell’attenzione sul momento presente (mindfulness) evitando che i pensieri ed emozioni spiacevoli siano invasivi. In particolare, queste tecniche saranno potenziate da percorsi virtuali che i genitori faranno attraverso visori di ultima generazione.

“Aumentare le nostre capacità percettive tramite le tecniche di mindfulness e la potenza degli stimoli virtuali permette alla mente umana di creare nuove tracce neuronali utili per regolare le emozioni spiacevoli”. A spiegarlo Antonio Cerasa, ricercatore dell’Irib Cnr nel campo delle Neuroscienze Traslazionali.

LEGGI ANCHE  “YOUNG GENERATION” FRA REALE E VIRTUALE

Giovanni Pioggia, responsabile della sede IRIB-CNR di Messina, spiega l’unicità del progetto rispetto ad altre tipologie di intervento che sono presenti nel panorama sanitario.

“IRIB-CNR si propone di attivare un nuovo servizio per i genitori dei bambini con autismo. Questo grazie all’applicazione di nuove tecnologie provenienti da settori innovativi delle neuroscienze e robotica per il benessere e la salute mentale. I percorsi psicologici collegati alle applicazioni tecnologiche di questa ricerca sono originali. Sono, infatti, frutto del lavoro dei ricercatori e degli informatici del Centro Irib di Messina”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI