incentro-gif.gif

LA SALUTE A TAVOLA: GLI ALIMENTI CHE FANNO BENE ALLE OSSA E AI DENTI

Quando si parla di qualcosa che faccia bene alle ossa e ai denti non possiamo fare a meno di fare riferimento a latte e latticini, che fin dall’infanzia ci sono stati proposti a tavola come alimenti ricchi di proprietà nutritive imprescindibili per un corretto sviluppo fisico.

Ed in effetti il latte e i suoi derivati sono ricchi di calcio, minerale essenziale per la salute di denti e ossa. Ma se questa è una certezza, è altrettanto vero che il calcio può essere assunto anche attraverso altri alimenti, preferiti da chi soffre di intolleranze ai latticini o da chi ha abbracciato una dieta vegana.

Cos’è il calcio e quanto bisogna assumerne

Il Calcio è il minerale più comune dell’organismo umano ed è il più importante elemento strutturale di ossa e denti: il 99% della quantità di questo minerale presente nel corpo è immagazzinato proprio nello scheletro, e sue carenze possono aggravare l’osteoporosi. Esso inoltre interviene nel metabolismo energetico, è indispensabile per la coagulazione del sangue e contribuisce alla normale funzione muscolare.

Il fabbisogno di calcio di una persona adulta corrisponde in media a 1000-1500 milligrammi al giorno. I fattori che possono far variare il fabbisogno di calcio sono il sesso, l’età e alcune condizioni fisiologiche specifiche, come la gravidanza, l’allattamento, la menopausa e le fasi di crescita dei giovani.

In gravidanza si devono assumere 1200 milligrammi al giorno, lo stesso vale durante l’allattamento o nei giovani adolescenti. Invece, in menopausa l’apporto giornaliero dovrebbe aumentare di 1500 milligrammi.

Il calcio a tavola: non solo latticini

Ai primi posti della classifica degli alimenti più ricchi di calcio insieme ai latticini si trovano anche alcune verdure come la rucola, gli spinaci, la cicoria, ma anche tantissime spezie, semi ed erbe aromatiche. Queste rappresentano valide alternative per chi è intollerante al lattosio o per i vegani.

Da non sottovalutare  la frutta secca: mandorle, nocciole, pistacchi, noci e noci del Brasile aggiunti alla colazione abituale, o alle insalate o utilizzati come spuntino contribuiscono ad ottenere il fabbisogno quotidiano di calcio. Alcuni pesci e molluschi fanno parte di quegli alimenti utili ad assumere il calcio, in particolare vongole, sardine e cozze.

Anche la cucina giapponese ci fornisce qualche spunto per aggiungere il calcio alla nostra dieta se pensiamo agli edamame, ovvero i fagioli di soia, ricchi di questo minerale essenziale, ma anche di vitamine. Infine i legumi. Quelli che contengono maggiori quantità di calcio sono i fagioli bianchi, seguiti da ceci, fave secche,  lenticchie,  lupini e fagioli borlotti.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI