L’assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo ha presentato un’installazione immersiva che coglie l’essenza di una terra ricca di storia e tradizione. Il progetto  racconta la Sicilia in modo nuovo e  coinvolgente.

Attraverso  suoni e sovrapposizione di stimoli visivi, offre la possibilità di sperimentare in anteprima ciò che è possibile vivere sul territorio. L’obiettivo è di suscitare in chi guarda il desiderio di viverle realmente.

LA SICILIA DELL’EXPO DI DUBAI.

Il visitatore si immergerà all’interno degli splendidi mosaici siciliani. Quelli di Piazza Armerina, della Cappella Palatina di Palermo, del Duomo di Monreale e di quello di Cefalù. Potrà toccare visivamente reperti archeologici del Parco Neapolis a Siracusa o dell’Area archeologica di Morgantina a Enna. Ggodere della maestosità di elementi architettonici del Barocco siciliano o della Cattedrale di Palermo.

LEGGI ANCHE  RISTORI SICILIA: DALLA REGIONE 73 MILIONI DI EURO A IMPRESE E PARTITE IVA

Questa mattina  si tiene inoltre una conferenza su “iHERITAGE ICT Mediterranean platform for Unesco cultural heritage”. Un progetto strategico cofinanziato al 90% dal Programma di cooperazione internazionale ENI CBC MED dell’Unione Europea, che coinvolge 9 partner di 6 Paesi (Egitto, Giordania, Libano, Portogallo, Spagna e Italia). Punta alla realizzazione di prodotti innovativi per una fruizione inedita del patrimonio Unesco, ma anche a finanziare start up innovative e spin-off.

All’incontro partecipano  Manlio Messina, assessore regionale al Turismo, allo Sport e allo Spettacolo, Rosalia Giambrone e Daniele Licciardello del dipartimento regionale del Turismo, Lucio Tambuzzo dell’associazione Circuito castelli e borghi medievali, Rossella Corrao dell’Università di Palermo.

Anche il vicepresidente della Regione, Gaetano Armao, è presente a Dubai nell’ambito delle iniziative legate alla diffusione del digitale applicato ai beni culturali e al turismo e parteciperà all’incontro col ministro del Turismo, Massimo Garavaglia.

LA MOSTRA TEATRI DI SICILIA.

L’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, guidato da Alberto Samonà, sarà presente all’esposizione mondiale con una mostra sui “Teatri di Sicilia” visitabile fino  a sabato 15 gennaio sul tema “La bellezza unisce le persone”.  La mostra  offre ai visitatori un viaggio che parte dall’antichità e  racconta l’archeologia del teatro in Sicilia, dai teatri antichi all’Opera dei Pupi, da Vincenzo Bellini a Luigi Pirandello. In scena a Dubai  fra le altre le Orestiadi di Gibellina e l’Opera dei pupi.

LEGGI ANCHE  DONNE E LAVORO: LA REGIONE TORNA A SOSTENERE L'IMPRENDITORIA FEMMINILE

In esposizione un’opera di Arnaldo Pomodoro. Il costume di Enea per la tragedia di “Didone, regina di Cartagine” di Christopher Marlowe, del 1986. Sarà presente anche il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino di Palermo con alcuni dei pezzi custoditi all’interno delle proprie sale.

Prevista infine una degustazione curata dall’Irvo, Istituto regionale del vino e dell’olio. Parteciperanno, in particolare, stakeholders e operatori commerciali invitati da Ice, l’Istituto per il commercio estero.