ALLA FELTRINELLI “PENE D’AMORE. MANUALE DI SOPRAVVIVENZA AGLI EX”

Irriverente, ironico, spudorato, simpatico ”Pene d’amore. Manuale illustrato di sopravvivenza agli ex”  (edito da Baldini + Castoldi, € 18) scritto e appunto illustrato (in modo creativo, surreale e assolutamente esplicito!) da Amalia Caratozzolo – messinese classe ’83 – che abbiamo incontrato presso la libreria Feltrinelli di Messina.

MANUALE PRONTO “ALL’USO”

La serata, piacevolmente condotta dalla giornalista Roberta Puglisi, si è snodata tra letture, fatte dalla stessa autrice e dibattiti interessanti <<Il libro è davvero un manuale “pronto all’uso” – ha sottolineato Roberta –evidenziando le “diverse tipologie” di uomini che, spesso, incontriamo nel nostro cammino. Ovviamente – ha proseguito – leggerlo può essere utile anche agli uomini che usando capacità critica possono ritrovarsi nelle figure descritte e, perché no, anche confrontarsi>>.

<<Il libro è nato nel 2007 – ha sottolineato l’autrice – con la mia tesi di laurea all’Istituto Europeo di Design di Roma che ho, successivamente rivisitato e adattato. È composto da 16 capitoli, 16 uomini con caratteri quasi “patologici”. Ovviamente – ha proseguito – ci sono elementi autobiografici, ma posso dire che le storie contenute nel volume, sono le storie di tutte le donne.>>.

“FALLOLANDIA” ALLA RICERCA DELLA FELICITA’

È intervenuta, inoltre Antonella Prudente, psicologa <<Nella fine di una storia – ha detto – si incastra anche il dileggio dell’autrice che ha voluto, mediante contenuti espliciti, mettere in evidenza l’ossessione tipica delle donne che vivono a “fallolandia”. L’autrice, sempre in maniera divertente e mai volgare, rappresenta come spesso le donne si rapportano all’altro sesso proprio in mancanza di “effusioni romantiche” e, per forza di cose, entra in gioco la “terza persona”>>.

LEGGI ANCHE  UN "MAGGIO DEI LIBRI" INEDITO PER L'ISTITUTO ANTONELLO

Nel libro le “figure maschili rappresentate” servono <<per esorcizzare, in maniera goliardica – ha proseguito Amalia – le mie paure e gli amori finiti male. Ridere delle proprie sconfitte e delusioni può essere molto liberatorio. In fondo è anche vero – ha sottolineato – che gli uomini non sono tutti così orribili. Credo che sia difficile comprendersi, siamo molto diversi. Ma in fondo il bello è proprio questo ed anche noi donne siamo, troppe volte, colpevoli di essere recidive e non molliamo quando è ora di lasciare. Una sfrenata e immotivata mania da crocerossina che di frequente si trasforma in un delirio di onnipotenza. Insomma, un tête-à-tête con il cilicio>>.

QUANTE “SANTE” NEL NOSTRO CAMMINO

Anche le donne, infatti, sono presenti nel volume, in una carrellata di “Sante” a cui “votarsi” << A volte ne abbiamo la tentazione, – ha concluso Amalia – anche se queste sante spesso sono più confuse di noi. Fra tutte, la mia è certamente la Maria Addolorata del libro. Le divido in due categorie, la Santa “remissiva” e la Santa “rabbiosa”>>, mentre tra gli uomini << Il peggiore – ha evidenziato Roberta – è Giuda Il vampiro energetico. Di quelli che ti succhiano il sangue. Nel libro è GIUDAfen, medicinale per autolesionisti, di cui l’autrice ha scritto un vero e proprio “bugiardino”>>.

LEGGI ANCHE  NAXOSLEGGE 2021: UN MESE DI LIBRI, INCONTRI CON AUTORI E...SPETTACOLO

UOMINI E DONNE

La serata si è conclusa con la lettura da parte di Salvo Trimarchi, direttore della libreria Feltrinelli, dell’intervento di Federica Pellegrini reso in occasione della trasmissione le Iene dello scorso 8 dicembre 2021 “C’è una cosa che mi ha fatto riflettere in particolare: in tutti questi anni, in cui ho gareggiato contro le donne, perché mi sono dovuta confrontare molto più spesso con gli uomini? Uomini che mi aspettavano al varco sia che vincessi, sia che perdessi. Se cadi sei un’atleta finita, e se stai in piedi sei una principessa messa su un piedistallo. Piedistallo che, in ogni caso prima o poi paghi, perché se un uomo vince e ne va giustamente orgoglioso, è un bomber, se una donna vince e ne va giustamente orgogliosa, se la tira.”

Un libro da non perdere, quindi, soprattutto in quest’oggi fatto di chat e di “scarsa attenzione” alla presenza delle persone, un libro che scherzosamente è un vademecum ed al contempo uno specchio ilare della nostra quotidianità, fatta di storie, di amori, di passione, di ricerca… e sempre all’insegna di ciò che tutti, uomini e donne ambiscono, stare insieme… perchè no, magari con il lieto fine del “per sempre” delle favole.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI