GIOVANNA GIORDANO: IL PROFUMO DELLA LIBERTA’ E’ UN VIAGGIO FANTASTICO

 

 

“Cos’è la libertà?”

“Qualcosa di molto dolce mi sembra, come avere un grappolo di stelle nella pancia. Chi ha la libertà è una balena blu nel mare e chi non ce l’ha è una rana dentro uno stagno bollente” disse allora Antonio Grillo da Gesso. (Giovanna Giordano “Il profumo della libertà”).

UN VIAGGIO FANTASTICO…

È stata una serata magica, una di quelle in cui davvero le stelle che fanno capolino attraverso le nuvole del cielo novembrino, accompagnano i sogni e i racconti dei marinai, una di quelle in cui le onde gentili all’imboccatura del porto si infrangono sulla prua delle navi e raccontano i viaggi in terre lontane, fantastiche, mitiche…

Giovanna Giordano ci è apparsa così, alla presentazione del suo libro “il profumo della libertà” edito da Mondadori, in una serata di autunno calda e familiare, come la protagonista delle favole che da bambini coloravano il nostro immaginario.

LO ZIO TONY E LE SUE “LETTERE”

<<Ho avuto l’ispirazione in una notte d’estate – ci ha detto – quando, aprendo una cassettiera di famiglia, tutta la magia delle storie nella mia memoria d’infanzia, è esplosa leggendo le lettere dello “zio Tony”, migrante in America che ci scriveva in maniera sobria e gentile, come era lui stesso, terminando con il suo “non ho niente altro da dire”>>.

DA GESSO ALL’AMERICA

Il libro, infatti, è la narrazione del viaggio fantastico dell’eroe gentile Antonio Grillo e del suo viaggio da Gesso, di fronte alle isole Eolie verso l’America; l’autrice riprende temi a lei cari e ci trasporta nel suo mondo favoloso. I ricordi di famiglia e i profumi della Sicilia prendono vita attraverso la sua fervida immaginazione, diventando personaggi, luoghi e mondi fiabeschi, dalle forme sempre nuove e inaspettate.

LEGGI ANCHE  R..ESTATE AL MUME: L’ARENA DEL MUSEO SI APRE ALLA CITTA’

<<C’è del magico nel viaggiare – ha detto Giovanna – Antonio Grillo nel “suo percorso” fa un centinaio di incontri meravigliosi, uno che mi ha particolarmente toccato il cuore è quello con la piratessa “Polifema”, la donna amata da Polifemo, una gigantessa che vive tra i vulcani che affiorano dalle profondità dell’oceano >>.

 

IL TEMPO DEGLI UOMINI

“Il profumo della libertà” non è solo la narrazione di un viaggio, è quasi lo specchio del vivere quotidiano “Dove è finito il mio tempo, capitano? Questo mi domando… L’umanità è divisa: uomini che hanno molto tempo e uomini che ne hanno molto poco… e loro lo dicono sempre ‘Non ho tempo, non ho tempo’ e hanno sempre l’affanno. Ma dove si è nascosto il tempo? Arriviamo a sera con la lingua di fuori, come cani che hanno corso tutto il giorno. Ma non siamo cani, per carità, non ancora…”(cit. Antonio Grillo) un correre continuo, quello dell’umanità che rischia di lasciare nel limbo le cose belle, importanti, piccole, come bagnarsi nell’acqua e nelle stelle. Il protagonista vive, in fondo, il nostro quotidiano, raccogliendo ciò che la vita offre e sempre grato ad ogni sensazione che stimola l’essere umano e sentirsi vivo. <<È duro lasciare questo mondo – prosegue l’autrice – diviene sofferenza perché ciò che amiamo non ci apparterrà oltre…  per mondo intendo sia la terra meravigliosa di Sicilia che è davvero un mondo fantastico, sia il pianeta terra che è meraviglioso e, in ogni suo angolo, promana bellezza>>.

LEGGI ANCHE  "LUCIO DALLA": LA STORIA DEL CANTAUTORE CHE CONQUISTÒ L'ITALIA RACCONTATA IN UN LIBRO

LINGUAGGIO SEMPLICE…

<<Ho usato un linguaggio semplice nel narrare gli eventi del viaggio di Antonio Grillo – ha detto Giovanna – probabilmente perché molto mi ha ispirato raccontare favole a mia figlia che, nella sua totale bellezza, ha cambiato la mia esistenza>>.

Leggendo, ci si trova immersi in una sorta di wunderkammer, ragionando, con leggerezza e quasi senza accorgersene, su temi serissimi: la libertà, la giovinezza, la diversità, la ricerca del significato del nostro essere al mondo. <<Dicono che sia un romanzo “bizzarro” – ha infine concluso l’autrice – ma per me è un romanzo classico. Il protagonista esce di casa e… affronta il mondo>>.

… FA DA SFONDO IL MARE

La serata di presentazione si è svolta nella suggestiva cornice della rada san Francesco a bordo della nave Caronte Telepass. Durante la serata Tiziano Minuti e Marco Castiglia hanno letto brani del romanzo per il folto pubblico presente.

L’evento è stato realizzato dalla Libreria Bonanzinga  in collaborazione di Caronte&Tourist.

Giovanna Giordano è nata a Milano e vive a Catania. Giornalista e giramondo, ha pubblicato tre romanzi.

Trentaseimila giorni (Premio Racalmare Sciascia 1997), Un volo magico e Il mistero di Lithian (Premio Sciascia 2005).

Candidata nel 2020 “dal” Premio Nobel per la letteratura.

“Il profumo della libertà” sarà tradotto in ebraico, greco, inglese, olandese, spagnolo, catalano e portoghese. Tutte le sue opere saranno riproposte da Mondadori.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email