BYE BYE ESTATE: STASERA L’EQUINOZIO D’AUTUNNO

Arriva  un po’ in ritardo rispetto allo scorso anno l’equinozio d’autunno. Il passaggio di stagione è infatti previsto per questa sera alle 21.21, mentre nel 2020 arrivò alle 15.31.  Da domani dunque le ore di luce diminuiranno sensibilmente e potremo dare il benvenuto all’autunno, fino a raggiungere il minimo il 21 dicembre, il giorno del solstizio d’inverno.

Equinozio: cosa significa

Il termine equinozio deriva, da “aequinoctium”, composto da “āequus”, che in latino significa uguale, e “x”, ovvero notte. Indica la (quasi) uguale durata di giorno e notte che caratterizza entrambi gli equinozi. Ovvero – ciascuno dei due punti d’incontro dell’eclittica con il piano dell’equatore celeste – e ciascuno dei due momenti dell’anno, che si verificano in primavera e autunno, in cui il Sole transita per essi.- Momenti in cui i suoi raggi diventano perpendicolari all’asse terrestre.

LEGGI ANCHE  VIAGGIO TRA CINEMA E ARTE. UNA NOTTE AL MUME - FOTO

La data dell’equinozio d’autunno non è sempre la stessa

La data dell’equinozio d’autunno però non è sempre la stessa: a volte è il 22, altre il 23 settembre. Questo dipende dal fatto che il calendario gregoriano che usiamo non corrisponde esattamente all’anno solare visto che la Terra impiega 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 10 secondi per completare l’orbita intorno al Sole. Le sei ore e poco più di differenza fanno si che si crei uno sfalsamento che ogni 4 anni, quando le sei ore di differenza diventano 24, porta a un giorno intero in più (motivo degli anni bisestili) e di conseguenza l’equinozio non risulta sempre nella stessa data.

LEGGI ANCHE  ESTATE 2020 A MESSINA: ECCO COME SARÀ

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI