DA ORIETTA BERTI AD AL BANO: GRANDI OSPITI PER IL PREMIO RAVERA 2021

Orietta Berti, Al Bano, i Nomadi, Diodato. Sono solo alcuni dei grandi ospiti che prenderanno parte alla settima edizione del Premio Ravera. Appuntamento sabato 4 settembre 2021 alle 21, a Tolentino (Marche). L’edizione 2021 sarà condotta da Dario Salvatori, giornalista e critico musicale, con la partecipazione straordinaria di Amadeus. 

Il Premio Ravera: Una canzone è per sempre”, è nato e continua a rinnovarsi come appuntamento annuale, per ricordare il grande Gianni Ravera, che ha scritto numerose pagine della storia della musica e della televisione italiana.

Protagonista sarà la Musica, affidata come sempre all’Orchestra Mediterranea diretta dal M° Michele Pecora, ideatore del Premio, che proprio a Ravera deve il suo fortunato incontro con la grande discografia. Ad aprire la serata, l’esibizione di otto giovani promesse della canzone italiana presentati da Melissa Di Matteo e Dario Salvatori.

I GRANDI OSPITI.

Ma andiamo a scoprire i grandi nomi della musica italiana che si susseguiranno sul palco del Premio Ravera.

Non mancheranno alcuni tra i più grandi interpreti non solo di oggi ma di tutti i tempi. Al Bano, i Nomadi, Diodato, vincitore del Festival 2020 e Orietta Berti vincitrice morale di quest’anno e indiscussa Regina dell’Estate 2021. E poi Wrongonyou, (da Sanremo giovani), GiòEvan, Random, Le Deva, Matteo Faustini, il tenore Piero Mazzocchetti, e molte altre sorprese.

LEGGI ANCHE  RIPARTE IL TEATRO A MESSINA

MUSICA E…SPETTACOLO.

Ad allietare la serata anche Emanuela Aureli che saprà farci sorridere con la sua incontenibile verve comica, seguita da Serena Rigacci che interpreterà un medley di grandi successi ispirati a Gianni Ravera.

Patrocina il Premio l’AFI (Associazione Fonografici Italiani) rappresentata dal presidente Sergio Cerruti che sarà portavoce della più storica associazione nazionale dei discografici. A ricordare Ravera, tra gli altri, introdotti da Ilenia de Sena, anche Gianni Naso, Franco Fasano, Elio Cipri, Robeto Razzini, Marco Rettani e Adriano Aragozzini.

Con l’attenta e appassionata supervisione artistica del Manager Pasquale Mammaro (che nelle ultime edizioni di Sanremo ha accompagnato il successo de Il Volo, Diodato e Orietta Berti), l’evento – unico nel suo genere – si propone di restituire alla musica, il posto che merita.

IL GRANDE GIANNI RAVERA.

Gianni Ravera, nato nelle Marche, ha scritto numerose e straordinarie pagine della storia della musica e della televisione italiana. Noto organizzatore di manifestazioni musicali, in particolare del Festival di Sanremo, di cui aveva curato ben 24 edizioni dal lontano 1962. Il Festival era la sua creatura, la sua opera prediletta, così come Castrocaro (che inventò lui stesso) che pure aveva portato agli onori della cronaca musicale. Ravera curò anche il Disco per l’estate e collaborò a trasmissioni televisive come Fantastico e Serata d’Onore. Nel mondo della canzone Gianni Ravera era diventato una specie di istituzione. A lui devono il loro successo artisti come Iva Zanicchi, Bobby Solo, Gigliola Cinquetti, lo stesso Michele Pecora, Eros Ramazzotti e Zucchero.

LEGGI ANCHE  TUTTI I NUMERI DEL SOLD OUT DI VASCO ROSSI A MESSINA

“La partecipazione e l’entusiasmo dei grandi personaggi che negli anni hanno accolto questo Premio, è la conferma che Ravera ha dato tanto alla storia dello spettacolo italiano. La musica è una colonna sonora che accompagna la vita di tutti noi e che, anche nei momenti più difficili non ci lascia soli – ha dichiarato Michele Pecora”.

Pasquale Mammaro ha aggiunto: “Oggi nel ricordare quanto Gianni Ravera ha fatto per il mondo dello spettacolo, in un momento così delicato, abbiamo bisogno, più che mai, di tornare a fare musica dal vivo. Questa serata è per tutti noi che crediamo nello spettacolo e nella forza della musica”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI