IO CHE LO CONOSCEVO VI RACCONTO LUCIO DALLA A LIPARI

“Il primo anno arrivò con una barca che si chiamava Katarro. Era il 1986, fu il mio padrino a portarlo nel locale, appena arrivato si mise a cantare e fu un trionfo”. Cominciò così un’amicizia che per anni ha legato Rossano Giorgi, uno dei titolari del “Chitarra bar” storico locale di Lipari a Lucio Dalla, indimenticato artista che con le isole Eolie in generale, e Lipari in particolare, ha conservato sempre un forte legame. Nell’isola Lucio Dalla era molto amato, un affetto ricambiato. Rossano Giorgi, che conosceva il cantante, racconta numerosi aneddoti dai concerti improvvisati in giro per le Isole Eolie ai grandi gesti di generosità.

La prima volta che Lucio Dalla arrivò a Lipari

“Quella prima volta- ricorda Rossano- non abbiamo incassato una lira, c’erano centinaia di persone, i camerieri posarono i vassoi perché non riuscivano a servire ai tavoli, tanta era la folla che non potevano muoversi, ma da lì è nata una fantastica amicizia e tutte le volte che veniva a Lipari era sempre da noi  a suonare e cantare con me e con Nicola Merlo. In seguito gli abbiamo fatto trovare una tastiera, è sempre stato un uomo di gran cuore”.

Quando si esibì a sorpresa alla festa della Madonna di Porto Salvo di Marina Lunga

La generosità di Lucio Dalla emerge dai tanti momenti di spettacolo che ha regalato a turisti e isolani come racconta ancora Rossano: “Il 19 e 20 luglio di ogni anno a Marina Lunga si festeggia la  Madonna di Porto Salvo, c’è la processione a mare con le barche, quella sera suonavo con il mio gruppo, chiesi a Lucio Dalla di intervenire “ti faccio questo regalo” mi rispose. Lo introdussi con la canzone 4 marzo 1943 inizia con “dice che era un bell’uomo e veniva, veniva dal mare”, ha fatto un’ora di concerto gratis, la gente è impazzita”.

LEGGI ANCHE  EOLIÉ: FINO AL 16 AGOSTO A LIPARI "LA CULTURA RACCONTA"

I concerti improvvisati a Salina, Panarea e Stromboli.

Per anni Lucio Dalla ha suonato in giro per le Eolie insieme agli artisti locali: “Una volta- continua Rossano- eravamo nella piazza di Santa Marina di Salina, era il 1992, suonavo con il mio gruppo, mi dissero che Dalla voleva parlarmi, voleva suonare con noi. Abbiamo montato una tastiera sulla barca ed anche in quella occasione si esibì per tutti, era un uomo fantastico, per non parlare delle serate a Panarea e a Stromboli al bar da Zurro dove cantai “Caruso”. Era un grande uomo, mi ha anche invitato ad un suo concerto a Messina. A Lipari c’è un artigiano, si chiama Stefano Panza, è un ceramista, davanti al Chitarra bar aveva casa e bottega, la sera metteva sul marciapiede  un tavolino per cenare con sua moglie. Una volta Dalla li vide e volle mangiare con loro, aveva capito subito che era un tipo eccezionale”.

LEGGI ANCHE  DISPOSTI SU BASE VOLONTARIA TAMPONI A TAPPETO NELLE ISOLE MINORI SICILIANE.

Quella volta che arrivarono i carabinieri

Tra i ricordi più divertenti anche le tante serate a cantare fino a notte fondaLucio Dalla– prosegue Rossano– arriva a Lipari intorno al 20 luglio insieme a tanti amici e  tutte le sere passava al bar, un anno venne insieme a Massimo Ghini e Alessandro Haber, un altro anno con Ron. Una sera suonavamo io Dalla, Ghini e Haber erano le due di notte, allora si doveva smettere all’una, arrivarono i carabinieri e rischiammo una multa”.

Un’emozione sempre grande

“Al bar Dalla continuò a tornare anche quando lo gestiva soltanto mio cugino Nicola Merlo– continua Rossano– poi per 10 anni non tornò più, non so perché, so che aveva preso una casa alle isole Tremiti. Non ci sentivamo mai durante l’inverno, per Natale gli mandavo gli auguri, solo una volta sono andato a trovarlo a Bologna. Quando seppi della sua morte, ero a Catania, stavo partendo, mi chiamò una radio locale, mi è preso un colpo. Ancora oggi quando passo sotto casa sua a Bologna, perché mia figlia vive in quella città, mi emoziono sempre”.  “Sono stati anni meravigliosi- conclude – sto aspettando che mio nipote cresca perché voglio raccontargli tutto”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI