E’SUONATA LA CAMPANELLA DEGLI ESAMI DI STATO “POST COVID”

Sono oltre  500 mila studenti dell’ultimo anno delle superiori già in classe per gli esami di stato.

 Le prove vertono su un ampio colloquio orale, in presenza, che inizia  dalla discussione di un tema  assegnato ad ogni  studente dal Consiglio di classe.  13.349 le commissioni al lavoro.

Le Commissioni sono composte da un presidente esterno e da sei commissari interni. Si può ottenere un credito scolastico fino a 60 punti.  Fino a 18 per la classe terza, fino a 20 per la  quarta e fino a 22 per la  quinta. Con l’orale si assegnano  fino a 40 punti. La valutazione finale verrà espressa in centesimi. Possibile come nella laure  ottenere la lode.

LEGGI ANCHE  COVID: A MESSINA UNA NUOVA CARTA DEI SERVIZI PER I CITTADINI

E’ un momento importante della vostra vita.

Così ha definito l’esame di stato il ministro per l’istruzione Patrizio Bianchi salutando idealmente tutti i ragazzi impegnati da oggi negli esami di stato.

Le prove sono iniziate regolarmente in tutta Italia, non si segnalano particolari problemi. Tanta emozione nei ragazzi chiamati ad affrontare gli esami di stato, per tantissimi la prima grande prova della loro vita, una prova che arriva dopo un anno e mezzo di covid, la dad e tanti altri problemi che hanno riguardato la loro vita e quella delle loro famiglie.

“Non verrete bollati come quelli del Covid -li ha esortati il ministro Bianchi- “Oggi è il momento di misurare voi stessi.”

LEGGI ANCHE  CAPODANNO ATIPICO TRA NEVE E LIMITAZIONI ANTI COVID

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI