INCLUSIONE, IDENTITA’ E TERRITORIO: COSI’ VIBO E’ CAPITALE DEL LIBRO 2021

Nel 2020 è stato istituito dal ministro Franceschini un riconoscimento dedicato alla promozione e al sostegno della lettura. E cioè la nomina per una delle città italiane prescelta, di Capitale del Libro. Con tanto di contributo di 500mila euro per la realizzazione del progetto presentato.

LO SCOPO DELLA GARA

Lo scopo di tutto ciò, è far si che le città dello stivale si impegnino a far scattare negli italiani la passione verso la lettura, e di conseguenza far diventare il libro parte integrante della loro vita e quotidianità. Il titolo della prima edizione, nel 2020, era stato deciso, senza gara, dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro della Cultura.

A spuntarla era stato il comune di Chiari, in provincia di Brescia. Mentre quest’anno la vittoria è andata ad una città calabrese, Vibo Valentia. La prima ad essere stato proclamata attraverso una vera e propria competizione.

Infatti, ha spiegato il Ministro Franceschini in diretta live, sul sito del Ministero: “E’ la prima volta che facciamo la proclamazione della Capitale Italiana del Libro. L’anno scorso, come prevedeva la norma, non essendoci il tempo per seguire tutta la procedura, il Consiglio dei ministri ha conferito il titolo a Chiari ed è stato un inizio molto importante”.

“SENZA LIBRI E SENZA CULTURA NON CI PUO’ ESSERE UNA RINASCITA SOCIALE ED ECONOMICA”

Come tutte le gare che si rispettino infatti, quest’anno è stata istituita una giuria. Presieduta da Montroni e composta da Valentina Alferj, Angelo Piero Cappello, Fulvia Amelia Toscano e Marcello Veneziani.

LEGGI ANCHE  NASCE A MESSINA IL "PATTO LOCALE PER LA LETTURA"

“Questa, ha valutato con estrema attenzione i progetti inviati dalle città che hanno partecipato al bando e abbiamo deciso all’unanimità – ha spiegato proprio Montroni. Le singole città hanno formulato un’offerta ricca, ma sostenibile dal punto di vista delle risorse economiche. I progetti che abbiamo visto sono veramente fantastici. Senza libri e senza cultura non può esserci rinascita sociale ed economica”.

PERCHE’ HA VINTO VIBO VALENTIA

Vibo Valentia ha vinto perchè il suo progetto era qualitativamente valido, esposto con chiarezza e presentato con rigore ed entusiasmo. E puntava in particolar modo a far entrare il libro nella vita della persone, quello che è poi la mission della gara.

Il Comune,  infatti, come si legge nel dossier presentato per la candidatura al premio, patrocina da tempo attività di contrasto alla povertà educativa. Con T.E.R.R.A., ad esempio, progetto nazionale promosso da “Impresa sociale con i bambini”, Vibo sta sperimentando nuovi modelli di inclusione, riscoprendo identità e territorio e stimolando il talento, le competenze, le capacità, l’intelligenza emotiva e l’intraprendenza dei giovani. Tutti elementi fondamentali, degni di una Capitale del Libro.

LEGGI ANCHE  LO 'NDUJATTONE, IL PANETTONE DALL'ANIMA PICCANTE MADE IN CALABRIA

L’ENTUSIASMO DEL SINDACO MARIA LIMARDO PER LA VITTORIA

Il sindaco Maria Limardo si è dichiarata entusiasta della vittoria, soprattutto in un momento particolare come questo. La vittoria può simboleggiare la rinascita per la città calabrese e soprattutto la Calabria ha bisogno di essere portata alla cronaca per fatti ed eventi positivi.

“Sarà bello  per me – ha affermato Limardo – fare un cartello con le altre città che sono state condotte in questa finale. Vorrei che questo fosse non soltanto un momento di competizione, ma di solidarietà e unione fra noi per il superamento di tutte le barriere”. Sono emozionata come non mai”.

“Stiamo facendo un grande percorso come amministrazione per il riscatto della nostra comunità, perché la mia città – ha continuato il Sindaco – è sempre stata considerata ultima in tutte le graduatorie e noi dobbiamo essere orgogliosamente i primi. O comunque concorrere orgogliosamente, a testa alta, in Italia e nel mondo”.

Vibo Valentia d’altronde è una città ricca di straordinarie bellezze, ma soprattutto è fatta di tanta bella gente che legge, che scrive, che ha la consapevolezza e il senso identitario dell’appartenenza al luogo. Degna per questo, di essere portata agli onori della cronaca.

Sonia Polimeni

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI