PROROGA CARTELLE ESATTORIALI: LE SCADENZE DA SEGNARE IN CALENDARIO

Il Decreto Sostegni Bis ha prorogato dal 30 aprile 2021 al 30 giugno 2021 la sospensione dei versamenti delle entrate da cartelle di pagamento, degli avvisi di accertamento esecutivo, degli avvisi di addebito Inps. Sulle cartelle esattoriali e i pignoramenti arriva la nuova guida con le precisazioni dall’Agenzia delle Entrate, che ha aggiornato le risposte alle domande più frequenti (Faq) con tutte le novità introdotte dal Dl.

COSA C’E’ DA SAPERE SULLE SCADENZE.

I pagamenti degli atti sospesi dovranno essere effettuati entro il mese successivo alla fine del periodo di sospensione, e quindi entro il 31 luglio 2021. Trattandosi di un sabato, il termine ultimo slitta a lunedì 2 agosto.

Il Decreto Sostegni Bis proroga il termine di sospensione dei versamenti di tutte le entrate tributarie e non tributarie, la cui scadenza ricade nel periodo tra l’8 marzo 2020 e il 30 giugno 2021. L’attività di notifica degli atti è sospesa dall’8 marzo 2020, in conformità con quanto stabilito dal decreto “Cura Italia”, il primo provvedimento emanato a seguito dell’emergenza sanitaria.

LEGGI ANCHE  ROTTAMAZIONE-TER: IN SICILIA ARRIVANO I NUOVI BOLLETTINI

PIGNORAMENTI.

Restano sospesi fino al 30 giugno 2021 gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati prima della data di entrata in vigore del decreto Rilancio (19 maggio 2020), su stipendi, salari, altre indennità relative al rapporto di lavoro o impiego, nonché a titolo di pensioni e trattamenti assimilati. Quindi, le somme oggetto di pignoramento non devono essere sottoposte ad alcun vincolo di indisponibilità e il soggetto terzo pignorato deve renderle fruibili al debitore.

Rimarranno sospese fino al 30 giugno 2021 anche le verifiche di inadempienza delle Pubbliche Amministrazioni e delle società a prevalente partecipazione pubblica, da effettuarsi prima di disporre pagamenti di importo superiore a cinquemila euro. Le Amministrazioni pubbliche dunque possono procedere con il pagamento in favore del beneficiario.

LEGGI ANCHE  IN ARRIVO IL BONUS BANCOMAT E LA LOTTERIA DEGLI SCONTRINI

ROTTAMAZIONE. 

Non cambia nulla per le rate di rottamazione ter. Per le rate scadute nel 2020, ci sarà tempo fino al 31 luglio 2021 per procedere con il pagamento, senza perdere i benefici della definizione agevolata. Si applicano i cinque giorni di tolleranza, il pagamento dovrà, quindi, avvenire entro il 9 agosto 2021.

Per le rate in scadenza nel 2021, si potrà attendere invece fino al 30 novembre 2021. Anche in questo caso, sono previsti i cinque giorni di tolleranza, il pagamento dovrà, quindi, avvenire entro il 6 dicembre 2021.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI