RISANAMENTO. IL MINISTRO CARFAGNA A MESSINA: “RESTITUIAMO DIGNITA’ A QUESTE FAMIGLIE”

E’ soddisfatta il Ministro del Sud Mara Carfagna, che questa mattina è stata in visita a Messina. Soddisfatta per aver finalmente trovato soluzione a un nodo che flagella la popolazione della città da più di un secolo: quello dell’eliminazione delle baracche. “Risolveremo un’autentica vergogna nazionale – ha affermato il Ministro. Adesso restituiamo dignità a queste famiglie”.

I fondi in arrivo ammontano a 100 milioni di euro, ma avere il finanziamento non basta e questo la città di Messina lo sa bene. Celerità: è stata questa la parola d’ordine della giornata. Perché le migliaia di persone che ancora oggi abitano nelle baracche dovranno avere una casa dignitosa in tempi brevi, perché non si può più perdere tempo.

“ABBIAMO RISOLTO UNA VERGONA NAZIONALE INDEGNA DI UN PAESE CIVILE”.

“Sono felice di essere a Messina – ha commentato appena arrivata a Palazzo Zanca – non a caso ho scelto questa la città come prima tappa istituzionale.  Il problema delle baracche è  una piaga indegna di un  Paese che vuol definirsi civile. Nascere al sud non può essere considerato una sorta di peccato originale da scontare attraverso servizi scarsi. Migliaia di persone sono state private dei diritti fondamentali. Ringrazio il Sindaco di avere portato all’attenzione nazionale questa situazione e ringrazio i Parlamentari della città di Messina che mi hanno sollecitata più di una volta e aiutata a raggiungere questo obiettivo in tempi brevi”.

LEGGI ANCHE  OGGI IL MINISTRO MARA CARFAGNA IN VISITA A MESSINA

IL CRONOPROGRAMMA PER L’AVVIO DELLO SBARACCAMENTO.

Il Ministro ha tenuto a precisare che la sua visita non sarebbe stata fatta solo di annunci ed è per questo che è stato tracciato un piccolo cronoprogramma per definire almeno ciò che succederà nei prossimi due mesi.

“La certezza è che tutto questo si possa attuare nei tempi – ha detto Carfagna. Naturalmente noi lavoreremo al fianco dell’Amministrazione comunale, della Regione Sicilia, della struttura Commissariale, per risolvere il problema in tempi brevissimi. Il decreto Sostegni dove è stato inserito l’emendamento che contiene non solo i finanziamenti, ma anche tutti i dettagli riguardo la struttura commissariale sarà approvato entro il 31 maggio. Dopo si procederà alla nomina del Commissario ed entro 60 giorni dovrà perimetrare le aree oggetto dell’intervento. Con la stessa determinazione e celerità programmeremo tutti gli interventi successivi. Sono certa che il Prefetto Di Stani, futuro commissario di governo saprà svolgere questo incarico e grande responsabilità, con la completa disponibilità del Ministero e dei suoi tecnici”.

Foto della riunione in prefettura di questa mattina

ARRIVERANNO ALTRI FONDI?

“Il Commissario straordinario – ha spiegato il Ministro del Sud – avrà una contabilità speciale e nella legge si fa menzione della possibilità di inserire in questa non solo i 100 milioni di euro del Fondo Sviluppo e Coesione, ma anche tutti gli altri finanziamenti che esistono già e che arriveranno e serviranno per l’opera di demolizione, bonifica, riqualificazione e allocazione degli abitanti delle baraccopoli”.

LEGGI ANCHE  OGGI IL MINISTRO MARA CARFAGNA IN VISITA A MESSINA

FONDI CHE VERRANNO UTILIZZATI, GARANTISCE IL GOVERNO.

“Sappiamo che in passato non sempre negli anni passati le amministrazioni comunali sono riuscite ad assorbire queste risorse – ha ammesso Mara Carfagna. Per questo con il Ministro Brunetta abbiamo avviato immediatamente la procedura concorsuale per assumere 2800 tecnici che serviranno per irrobustire le pubbliche amministrazioni del Mezzogiorno. Contiamo di assumere le figure a fine luglio, una procedura di 100 giorni, velocissima. Aiuteranno le amministrazioni a progettare, attuare di interventi. Nel caso di necessità queste figure supporteranno con maggiori poteri le amministrazioni che risulteranno inadempienti”.

LE FAMIGLIE SONO LA PRIORITA’.

Al termine della conferenza stampa che si è tenuta nel salone delle bandiere, su richiesta del Sindaco, il Ministro ha confermato che tornerà a Messina quando demoliremo l’ultima baracca e l’ultima famiglia avrà finalmente una casa.

Volevo sottolineare che la cosa che mi sta più a cuore è trovare soluzioni abitative per le famiglie” ha concluso Carfagna.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI