CLAMOROSO: RIAPERTE LE INDAGINI SULLA SCOMPARSA DI DENISE PIPITONE

La notizia era nell’aria, oggi l’ufficialità,  peraltro lanciata  in diretta su Rai Due nel corso di “Ore 14” . Dopo le tante anomalie sollevate in queste settimane dalla mamma Piera Maggio a “Chi l’ha visto”  e sulla stampa la procura di Marsala ha riaperto le indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone, la bambina di Mazara del Vallo scomparsa l’1 settembre del 2004.

A convincere i magistrati le numerose anomalie  ed i tanti misteri denunciati in queste settimane dai familiari sulla stampa, a  “Chi l’ha visto” e ad “Ore 14” e sulla stampa. Secondo il programma di Rai Due sarebbe stato sentito anche un teste chiave.

 NON C’E’ PIU’ TEMPO CHI SA PARLI.

LEGGI ANCHE  CERASELA NON E' DENISE PIPITONE, NEGATIVO IL TEST DEL DNA

Ha detto Milo Infante su Rai Due  lanciando la clamorosa notizia.  A quanto pare sulla scomparsa di Denise Pipitone sembra stia cedendo il muro di omertà che ha retto  per ben 17 anni.

Sul caso, come persona informata sui fatti è stata sentita l’ex  pm di Marsala Maria Angioni, che inizialmente seguì l’inchiesta sulla scomparsa di Denise. Secondo la Angioni le persone allora  indagate avevano  il sospetto  di essere intercettate e che sapessero che i loro telefoni potevano essere sotto controllo.

IL 5 MAGGIO UNA MANIFESTAZIONE PER DENISE

Mazara del Vallo, come ha detto il sindaco Salvatore Quinci si sta mobilitando. Alle 20,30 di mercoledì 5 è in programma una grande manifestazione pubblica.

LEGGI ANCHE  DENISE/OLESYA, LA FAMIGLIA PIPITONE PARTECIPERÀ AL PROGRAMMA RUSSO

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI