IL SICILIANO AMARANCA È IL MIGLIOR AMARO DEL MONDO

La Sicilia porta a casa un nuovo riconoscimento nel settore enogastronomico. L'”Amaranca“, prodotto sull’Etna è il “migliore amaro del mondo”. Ha vinto, infatti l’Oscar del World Liqueur Awards 2021, che si tiene a Londra.

Una grande soddisfazione per la Sicilia e per la famiglia Romeo, che lo produce dal lontano 1998. “Siamo particolarmente felici di questo riconoscimento – spiega il fondatore Santo Romeo – per noi rappresenta non soltanto un importante traguardo, un prezioso punto di arrivo, ma soprattutto un momento di crescita e ulteriore partenza per continuare ad esportare in tutto il mondo i sapori del nostro amato vulcano”.

Per i figli del fondatore, i fratelli Marco e Antonello Romeo, la Medaglia d’Oro ottenuta si tratta di “una scommessa vinta, che soddisfa il lavoro fatto in questi anni con grande passione e determinazione per fornire ai consumatori un composto 100% made in Sicily che nel tempo potrà affermarsi ancora di più come fiore all’occhiello nell’ambito dell’offerta alcolica autoctona”.

LEGGI ANCHE  L'ITALIA ALL'ESAME DI MATURITA'
I fratelli Romeo con il premio del Word Liqueur Awards 2021

IL LIQUORE AMARANCA.

“Amaranca”, l’Amaro Nobile dell’Etna, è nato nel 1998 grazie all’intuizione, al gusto e all’esperienza di Romeo, che coltivava da anni nel suo cuore il desiderio di creare il primo amaro siciliano a base di arancia selvatica amara attraverso la lavorazione del frutto, a cui aggiungere erbe officinali e radici raccolte sulle pendici del vulcano. Ad ispirarlo un suo avo, Don Totò, che nella Sicilia del dopoguerra era dedito alla coltivazione degli agrumi e all’estrazione degli oli essenziali (cosiddetta “i’spiritara”).

La formula vincente.

L’Amaranca è oggi un’eccellenza dell’isola e la punta di diamante dell’azienda e i dettagli della ricetta e degli ingredienti rimangono “top secret”.

“Amaro al punto giusto, grazie alla presenza della zucchero che si avverte a malapena, il caramello si mescola con le note frizzanti delle erbe e delle radici etnee completando il gusto dell’arancia, predominante ma non invadente. Un finale da rabarbaro, corretto al grado alcolico di 30°: l’inconfondibile sapore e l’avvolgente profumo hanno stregato le papille gustative dei numerosi esperti della giuria del concorso inglese, cui partecipano decine di aziende di prodotti alcolici da tutto il pianeta divise per categorie”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI