“PENSIAMO AL FUTURO, RIORGANIZZIAMO I TEATRI E RICONQUISTIAMO IL NOSTRO PUBBLICO”

Dopo più di un anno di fermo, finalmente i teatri potranno riaprire in zona gialla, a partire dal 26 aprile. In Sicilia ci vorrà ancora un po’, ma Giuseppe Ministeri, componente del CDA del Teatro Vittorio Emanuele di Messina pensa al futuro e riflette su quali saranno i progetti da attuare per la ripartenza e soprattutto per la prossima stagione teatrale al chiuso, prevista per il prossimo autunno.

La riapertura dei teatri in zona gialla decisa dal Governo è senza dubbio positiva, dopo oltre un anno di pandemia che ha stravolto le programmazioni culturali del nostro Paese, ma è indispensabile guardare avanti e ripensare l’intera organizzazione del sistema Teatro”. Una riflessione non solo per Messina, ma per tutti i teatri d’Italia.

STRATEGIE DI RIPARTENZA: LA PROPOSTA DI MINISTERI.

Considerato che le ultime disposizioni arrivano quando la stagione “tradizionale” degli spettacoli è ormai terminata, l’invito di Giuseppe Ministeri è di pensare al futuro, al di là delle attività che saranno previste durante l’estate negli spazi all’aperto.

“In vista della ripresa delle stagioni teatrale ordinarie che partiranno da settembre – spiega Ministeri- non possiamo dare per scontato il ritorno di grandi numeri di spettatori, poiché non sarà del tutto così, soprattutto al chiuso. La gente è ancora diffidente a causa della pandemia ed è opportuno che i Teatri si impegnino in un importante lavoro di riconquista del pubblico.

LEGGI ANCHE  #RIPARTO DAL TEATRO. LA RASSEGNA ESTIVA ALL'APERTO

E’ fondamentale dunque organizzare la programmazione in modo diverso rispetto al passato, per esempio attuando il principio della stanzialità per le compagnie teatrali, ovvero prevedere la loro presenza nello stesso luogo per più tempo rispetto a quanto accadeva in passato. Questo consentirebbe da un lato una ‘diluizione’ dei flussi di pubblico, con maggiori opportunità per andare a teatro in sicurezza, dall’altro avvantaggerebbe le stesse compagnie, che potrebbero godere di condizioni di lavoro più strutturate e durature. Ma questa rivoluzione del mercato teatrale deve essere vicendevole, ovvero da parte di chi programma come di chi lavora”.

“NON ABBANDONIAMO LA MODALITA’ ONLINE”.

“Un altro tema importante- prosegue Ministeri- è quello dell’utilizzo del web. La modalità online che abbiamo sperimentato in questo periodo non va abbandonata. Non bisogna viverla come un limite, ma come un’ulteriore opportunità di proporsi agli spettatori, che deve essere incentivata e meglio organizzata. Il PNRR del Governo, può consentire la realizzazione di investimenti tanto sulle infrastrutture materiali che immateriali necessarie a compiere la transizione digitale”.

LEGGI ANCHE  CHRISTIAN DE SICA IN "UNA SERATA TRA AMICI" VI RACCONTO LA MIA VITA

ORA TOCCA AI TEATRI SOSTENERE I PROPRI ARTISTI.

Il consigliere d’Amministrazione del Vittorio Emanuele si sofferma inoltre sul sistema di sostegni messo in campo dallo Stato e dalla Regione Siciliana a supporto della categoria.

“Non c’è dubbio che sia a livello nazionale che regionale -afferma Ministeri- sia stato fatto il possibile per sostenere un comparto che, non va dimenticato, era in crisi anche prima della pandemia. E’ altrettanto vero però che i Teatri pubblici hanno sofferto assai meno rispetto ai singoli artisti grazie ai trasferimenti comunque garantiti. Proprio per questa ragione sono proprio i Teatri pubblici ad avere una maggiore responsabilità nella ripartenza. E’ importante dunque- sottolinea Ministeri- dare un supporto concreto a tutti quei progetti qualificati che nascono e si sviluppano nel territorio accogliendoli nella programmazione teatrale”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI