COME LE FAKE NEWS POSSONO INCIDERE SULLA RIPRESA ECONOMICA

“Nelle ultime settimane l’uragano della disinformazione e delle fake news si è abbattuto con forza su molti Stati. Questo sta creando notevoli danni non solo dal punto di vista sanitario, ma anche dal punto di vista economico perché i ritardi sulla vaccinazione rischiano di frenare anche la ripresa economica“. E’ questo il pesante verdetto della riflessione del Presidente dell’Osservatorio sulle fake news di Confassociazioni, Francesco Pira.

OCCHIO AI SOCIAL NETWORK.

Il sociologo, in una nota, ha spiegato il risultato di quanto sta osservando accadere in questo periodo, soprattutto nei social. “Serve un lavoro costante di buone informazioni da parte degli organi di stampa e un’assunzione di responsabilità da parte di chi gestisce le piattaforme online. Infatti, tra i principali canali di diffusione delle fake news ci sono proprio i social network e la messaggeria veloce. Se consideriamo un dato tra i tanti, ovvero che in un anno sono stati rimossi 22.400 tweet falsi sull’emergenza pandemica”.

COME INCIDE LA DISINFORMAZIONE NELLA CAMPAGNA VACCINALE.

“Il dilagare della disinformazione ha minato la campagna vaccinale dalle fondamenta – ha spiegato Pira. Non ha solo minato l’utilità del vaccino, favorendo un clima di timore e di incertezza tra la popolazione, ma ha danneggiato la reputazione di chi ha investito risorse in ricerca e per mesi ha lavorato duro per trovare un antidoto al virus. È, dunque, fondamentale intervenire immediatamente e trovare un contro flusso di comunicazione per aiutare la campagna vaccinale”.

LEGGI ANCHE  INFORMAZIONE E DISINFORMAZIONE NELL'ERA DEI SOCIAL

LA PROPOSTA PER CONTRASTARE IL FENOMENO DELLE FAKE NEWS SUI VACCINI.

“Come fare? Servirebbe una task force di comunicatori in grado di garantire la migliore informazione e adeguate campagne di comunicazione sociale nell’interesse sia dei cittadini che delle Istituzioni e delle Imprese.

Una recente ricerca della London School of Hygiene and Tropical Medicine – ha proseguito il Presidente dell’Osservatorio – è giunta ad una conclusione allarmante. La disinformazione potrebbe causare un calo significativo sul numero di persone disposte a sottoporsi alla vaccinazione contro il Covid-19. Tale indagine è stata condotta su oltre ottomila cittadini inglesi e statunitensi per valutare l’impatto della disinformazione sull’atteggiamento della popolazione nei confronti del vaccino. Stando ai risultati, prima dell’esposizione alle notizie, il 54,1% degli inglesi e il 42,5% degli statunitensi si erano dichiarati disponibili a ricevere la vaccinazione. Mentre durante la seconda intervista, a seguito della ricezione di informazioni errate o fuorvianti, i favorevoli erano diminuiti del 6,2% e del 6,4 per cento.

ANCHE IN ITALIA E’ COSI’?

“Di recente Reputation Science – ha spiegato Pira – ha analizzato oltre 215 mila contenuti per studiare la percezione degli italiani rispetto ai vaccini. Dall’analisi emerge che l’unico vaccino ad avere un impatto reputazionale negativo è quello di AstraZeneca, che tra il 9 febbraio e il 19 marzo 2021 ha accumulato un crollo verticale dei commenti positivi. Il dato più sorprendente però è un altro, ovvero che i vaccini che raccolgono commenti e interazioni positive sono quelli che ad oggi non sono distribuiti in Italia”.

LEGGI ANCHE  FENOMENO BODY SHAMING, OTTIMO BILANCIO DEL WEBINAR DI UNIME

“Quanto ipotizzato, diversi mesi sugli effetti negativi che le fake news avrebbero prodotto anche in un periodo così particolare quale quello che stiamo vivendo a causa della pandemia – ha concluso il Presidente di Confassociazioni, Angelo Deiana – non solo si è verificato ma si è amplificato. Non certo ci meravigliamo di questo perché consapevoli che viviamo nell’era dell’informazione viralizzata e super veloce, che fin quando è positiva è strategicamente funzionale, ma quando è negativa è strategicamente inibente. Da ciò il prendere in considerazione, come ha evidenziato il Presidente Pira, una task force di comunicatori. La finalità è fermare a monte la disinformazione aiutando i cittadini a vedere dove effettivamente è collocata la verità. Da parte nostra c’è l’impegno di limitare, se non stoppare la disinformazione dilagante oggi e nel futuro prossimo. Mi auguro che il nostro esempio da goccia, diventi un oceano”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI