“DONNE E DIRITTI”: SU ME STYLE LA RUBRICA DELLA CONSIGLIERA DI PARITÀ MARIELLA CRISAFULLI

“DONNE E DIRITTI”: SU ME STYLE LA RUBRICA DELLA CONSIGLIERA DI PARITÀ MARIELLA CRISAFULLI

Dopo il seguitissimo appuntamento settimanale con la psichiatra Maria Trimarchi e le “Tracce di memoria” domenicali di Marco Grassi, il nostro magazine si arricchisce di un altro prestigioso contributo.

Sta per arrivare infatti “Donne e diritti”, una rubrica interamente curata dalla consigliera di Parità della Città Metropolitana di Messina Mariella Crisafulli. Me Style si fa sempre più strada nel nostro tessuto sociale, dunque, per affrontare temi più che mai attuali e sentiti.

La parità esiste davvero?

“Parità”. Quante volte abbiamo sentito parlare di questo concetto? “Parità tra uomo e donna” “Parità di genere” “Pari opportunità” appaiono quasi come frasi fatte, principi scontati, ma quanto c’è di reale e quanto invece c’è ancora da fare perché diventino concreti? E soprattutto le donne conoscono davvero i propri diritti per fare in modo che vengano rispettati? E’ proprio questo il senso della rubrica “Donne e diritti”: far conoscere il più possibile le leggi che consentano di tutelarsi in caso di necessità.

La consigliera di Parità Mariella Crisafulli

“Mi fa molto piacere avviare questa collaborazione con la rivista ME STYLE curata da Patrizia Casale per parlare di

Mariella Crisafulli- Consigliera di Parità della Città Metropolitana di Messina

donne, lavoro e società, ha detto la consigliera di parità Mariella Crisafulli. La mia esperienza sia come donna che come Consigliera di Parità mi fa spesso riflettere su come la parità sia spesso solo enunciata e utilizzata mediaticamente, ma poco praticata soprattutto dove si decide”.

La parità apparente e quella sostanziale

“Non vi è dubbio che ci siano ancora tante ombre sulla strada della parità- prosegue Crisafulli- e numerosi ostacoli alla piena partecipazione delle donne in ogni ambito della società, a dimostrazione che vi è una parità formale, o meglio una parità apparente – sulla carta – che non corrisponde ad una parità sostanziale, nonostante il notevole corpus normativo. Anzi spesso si impedisce di realizzare, a parità di meriti e di aspirazioni, eguali e gratificanti obiettivi e percorsi di carriera”.

Il ruolo della Consigliera di Parità

“Come Consigliere di Parità, siamo sentinelle sul territorio- spiega Mariella Crisafulli- impegnate a promuovere le pari opportunità, prevenire e contrastare ogni forma di discriminazione di cui sono vittime ancora tante donne nel lavoro come nella società. Ma un’altra nostra priorità è anche sensibilizzare le giovani generazioni alla parità e il rispetto delle differenze per il superamento di stereotipi di genere che hanno condizionato e continuano a condizionare la partecipazione femminile in molti ambiti della vita sociale, politica ed economica, diventando causa di profonde diseguaglianze”.

Le donne spesso subiscono, ma non denunciano

“Ringrazio pertanto Patrizia Casale per questa opportunità- conclude la Consigliera di Parità- che sarà occasione anche per far conoscere le leggi esistenti in materia di pari opportunità, considerando che spesso le donne subiscono discriminazioni ma non denunciano, per paura o magari perché non conoscono l’esistenza di una tutela e le modalità per difendere i loro diritti”.