“SPOSTIAMO IL COPRIFUOCO ALLE 23”

“SPOSTIAMO IL COPRIFUOCO ALLE 23”

Oggi si riunisce il Comitato Tecnico Scientifico, poi toccherà alle regioni e tra domani e giovedì il Consiglio dei Ministri, per definire il testo definitivo del decreto riaperture. Intanto dalla Lega arriva una nuova proposta: “Spostiamo il coprifuoco alle 23 a partire già dal 26 aprile. Sicuramente, lo chiedono gran parte delle Regioni e dei Sindaci a prescindere dai colori politici“.

Il Cts, oggi, dovrà esprimere un parere sull’ipotesi “pass” per lo spostamento tra regioni di colore diverso o per accedere ad eventi pubblici. Sul tavolo degli esperti ci saranno poi le linee guida delle Regioni per le riaperture. Sono ben 11 le regioni, più le provincie di Trento e Bolzano che, alla luce dei dati confortanti, puntano alla zona gialla.

Il Governo conferma la road map annunciata dal premier Mario Draghi, mentre riflette ancora sulla proposta della Lega e di Matteo Salvini.

LEGGI ANCHE  DPCM, LE MISURE PIÙ RESTRITTIVE ENTRANO IN VIGORE VENERDÌ.

IL CASO SICILIA.

Mentre in molte regioni d’Italia si attende con ansia il 26 aprile per poter tornare a godere di maggiore libertà, in Sicilia questo scenario è decisamente lontano. Ieri sono 1.123 i nuovi positivi nell’isola su 14.416 tamponi processati, con una incidenza al 7,8%, quasi due punti in più della media nazionale. Balza subito agli occhi che l’Isola è al secondo posto per contagi giornalieri, subito dopo la Campania.

Abbiamo da un lato Palermo, che in due settimane di zona rossa non è riuscita ad arginare l’emergenza sanitaria: ieri contava ancora 508 nuovi positivi. Poi c’è Catania, che registra i contagi in crescita (+221 ieri). Preoccupano anche Messina (+87) Caltanissetta (+96), ma in queste ultime la situazione sembra essere sotto controllo. Dall’altro lato ci sono le altre province, quelle che reggono da sole la Sicilia in zona arancione.

LEGGI ANCHE  L'8 MARZO CHIUDE MONTALBANO. INSORGONO I CENTRI DEL BAROCCO SICILIANO

È difficile poter pensare a uno scenario da zona gialla a distanza di una settimana – ha dichiarato il presidente della Regione, Nello Musumeci. Diciamo che operiamo guardando i dati alla giornata. Con il cuore vorremmo essere zona gialla, con la ragione vogliamo aspettare il dato numerico”.

“Certamente, guardiamo tutti alla speranza di poter presto riaprire e al tempo stesso di poter ricevere gli operatori economici i famosi sostegni ristori di cui in Sicilia più che altrove c’è bisogno per la fragilità del tessuto imprenditoriale e per i pericoli che corrono gli imprenditori, con il risveglio dell’usura. Tutto questo – sottolinea il Governatore – può essere neutralizzato solo con un arrivo tempestivo dei ristori”.