VOGLIAMO CHIAREZZA, MA INTANTO LA VACCINAZIONE NON DEVE FERMARSI

C’ è molta commozione a Messina per  la morte di Augusta Turiaco. Il legale della famiglia Daniela Agnello ha chiesto di accertare come sia deceduta la donna ed ha presentato alla Procura di Messina un dettagliato esposto.

La donna, come ha spiegato qualche giorno  fa  l’avvocato Agnello, era in ottime di condizioni di salute. Dopo aver fatto il vaccino anti covid di AstraZeneca l’11 marzo ha avuto febbre, fortissimi mal di testa ed altri disturbi che l’hanno costretta al ricovero al Policlinico dove nelle scorse ore è sopraggiunta la morte.

La famiglia di Augusta Turiaco, seppur provata in questo tragico momento, oltre a chiedere di fare luce sulla vicenda, ha invitato i cittadini a non sottrarsi alla vaccinazione che è lo strumento più efficace per sconfiggere la pandemia da Covid.

LEGGI ANCHE  SICILIA: AL VIA LA VACCINAZIONE DEGLI OVER 16. SI ATTENDE UNA RISPOSTA POSITIVA ANCHE DAI GIOVANI

Augusta Turiaco  aveva accettato con entusiasmo di vaccinarsi. Chi l’ha conosciuta la descrive come una donna semplice innamorata della sua famiglia e del suo lavoro a scuola alla Mazzini Gallo.

La famiglia ha ringraziato i medici del Policlinico di Messina che hanno fatto di tutto per salvare la donna. Augusta Turiaco come estremo gesto d’amore ha manifestato la volontà di donare i propri organi. Le cornee sono già state prelevate.

 

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI