L’ARTISTA MESSINESE CECILIA FOTI SI RACCONTA: L’OMAGGIO A MONICA VITTI E I SUCCESSI CON LE GLORIUS4

L’ARTISTA MESSINESE CECILIA FOTI SI RACCONTA: L’OMAGGIO A MONICA VITTI E I SUCCESSI CON LE GLORIUS4

cecilia fotiCecilia Foti è una cantante e attrice messinese, due passioni che vanno parallele nella sua vita e che sono riuscite a trasformarsi nel suo lavoro. Cecilia si può definire una figlia d’arte, il padre infatti oltre al suo mestiere, dedicava gran parte delle sue giornate alle sue passioni, facendola così immergere totalmente e naturalmente al mondo della musica e del teatro. Nel 2004 ha studiato al Teatro Vittorio Emanuele, ottenendo il diploma e da li una carriera tutta in ascesa. Con Saverio La Ruina  inizia una lunga tournée con lo spettacolo “Polvere”, che ad oggi conta più di 80 repliche anche all’estero. Per quanto riguarda l’aspetto canoro invece, fa parte del quartetto femminile Glorius4. L’ultimo suo lavoro è un omaggio a Monica Vitti, che ha trascorso gran parte della sua infanzia a Messina. Si tratta di un video di pochi minuti a cura di Antonio Previti e Gaetano Mazza, nel quale si vuole sottolineare il forte legame dell’artista con la città dello Stretto. Sarà presentato il 24 Marzo nell’ambito di un progetto dedicato al genio femminile.

L’omaggio a Monica Vitti

Cosa vedremo nel video su Monica Vitti?

“Nel video si vedranno le meraviglie di Messina e quei luoghi che Monica Vitti ha vissuto e frequentato per otto anni, molti dei quali ormai in fase di declino. Siamo partiti dal viale S. Martino dove è stata girata una scena del film “L’avventura” di Antonioni, di cui lei è protagonista. Sul posto è stata anche affissa una targa per ricordare quel momento. Ci siamo spostati poi sul  viale Principe Umberto, in via Luciano Manara e via S. Agostino, sedi delle sue tre abitazioni. Monica Vitti inoltre frequentò l’Istituto Sant’Anna di via XXIV maggio e fece la Prima Comunione alla chiesa di Santa Caterina. E infine abbiamo mostrato quel che resta dell’Irrera a mare e la Passeggiata. Nonostante abbia passato solo la sua infanzia qui, il periodo fu per lei molto significativo e le rimase nel cuore. Ad esempio, per il suo modo di coprirsi con più indumenti quando era piccola veniva chiamata nel dialetto “sette vistini”, questo soprannome lei se lo portò dietro e lo utilizzò come titolo della sua biografia che intitolò proprio “Sette sottane”, pubblicato nel 1993.  In più posso dire che il tema del monologo finale, tratto dal testo teatrale “Scandali Segreti” è molto attuale. Si parla della libertà della donna di esprimere i propri sentimenti senza venir giudicata. La libertà di amare e gioire, di essere se stessi fino in fondo. È molto intenso. Il video è stato prodotto dalla Compagnia DAF di Angelo Campolo, l’apprezzato attore messinese.”

LEGGI ANCHE  I COLORI DEL CUORE

Cosa rappresenta per te la figura di Monica Vitti?

“Io da sempre sono innamorata del suo modo di essere attrice, risponde molto alla mia idea di essere attrice sia nel comico che nel drammatico in maniera così naturale.  Tra l’altro mi ha molto colpito l’amore travolgente che ha verso il mare che lei definisce “il suo amante”. Nel video infatti ho voluto fortemente una scena al mare.”

Il video quando sarà disponibile?

“Verrà presentato il 24 Marzo alle 18.00 on line sulla  pagina Facebook La Sicilia delle Donne. Questo festival dedicato al genio femminile, in cui ogni anno si tratta un tema differente. Il 2021 è dedicato alle donne in scena, di spettacolo, soprattutto del passato. Monica Vitti è stata un’eccezione proprio perché ha incuriosito il fatto che abbia vissuto qui, frequentato molti luoghi.”

LEGGI ANCHE  IL PREFETTO DI MESSINA LIBRIZZI POSITIVO AL COVID

I successi con le Glorius4

Con le Glorious4, il quartetto canoro di cui fai parte, tanti successi, ma anche un tour virtuale durante il lockdown.

“L’anno scorso in questo periodo avevamo in progetto di andare negli Stati Uniti per delle tappe, poi arrivò la notizia del lockdown. Invece di buttarci giù, ci è venuta in mente quest’idea. Un tour virtuale diviso in tappe, in cui ogni appuntamento era dedicato ad un omaggio a paesi diversi, cantando nella loro lingua o individuando lo stile. Africa, Jamaica, Giappone, Russia, Grecia. Francia, Messico, Italia, isola di Tonga. Al tour hanno partecipato star come Paolo Belli, Massimo Moriconi (bassista di Mina) ed altri artisti di calibro internazionale. Ci ha fatto crescere molto, ognuna di noi si è inventata un modo per poter cantare a casa propria, per poi scambiarci tracce audio ed armonizzarci insieme al meglio”

Qual è stata la soddisfazione più grande ed un momento che ricordi in particolare?

“C’è stata molta attenzione e ci ha portato tanto lavoro anche la scorsa estate. In rete abbiamo fatto molto movimento con tante condivisioni e visualizzazioni dei nostri video. Si è propagata l’onda della nostra musica fino a quando siamo arrivati al programma di La 7 Propaganda Live, a novembre, un regalo enorme. E poi l’ospitata a Telethon 2020 su Rai2 con Paolo Belli.”

Cecilia Foti, ad oggi, si ritiene fortunata nel riuscire a lavorare per entrambe le sue passioni a livelli così alti. E la decisione di essere rimasta a Messina la rende orgogliosa. Ogni giorno si innamora sempre di più della sua città e delle sue bellezze.

Foto del backstage omaggio a Monica Vitti

Mariacristina La Rosa