BONUS ACQUA, LUCE E GAS. PARTE LO SCONTO AUTOMATICO IN BOLLETTA

Il bonus acqua luce e gas 2021 è in dirittura d’arrivo.  Un’agevolazione molto attesa dalle famiglie italiane che si potrà ottenere senza fare alcuna domanda ed è destinata ai contribuenti con ISEE fino a 8.265 euro. Sarà direttamente l’ARERA, tramite l’accesso ai dati Inps relativi alle DSU presentate, ad effettuare le opportune verifiche e a stabilire i beneficiari dei bonus.

Avranno diritto allo sconto anche i percettori di reddito e di pensione di cittadinanza, così come le famiglie numerose con ISEE fino a 20.000 euro.

Le verifiche per l’attribuzione del bonus sulle bollette di acqua, luce e gas partiranno dal 1° luglio 2021, dunque bisognerà attendere ancora un po’ per avere bollette più leggere.

LEGGI ANCHE  BOLLETTE LUCE E GAS: DALL'1 OTTOBRE SCATTA IL MAXI-AUMENTO

Tutte le novità

Per ottenere il bonus su acqua, luce e gas basterà compilare la DSU ai fini ISEE. Sarà l’ARERA, sulla base dei dati presenti nelle banche dati INPS, ad assegnare in automatico lo sconto.

Il bonus acqua, luce e gas automatico ha validità dal 1° gennaio 2021. Ogni bonus sarà valido per un anno a partire dalla data di ammissione all’agevolazione.

Lo sconto sarà riconosciuto in bolletta a partire da luglio, da quando cioè l’ARERA partirà con le verifiche sui requisiti ISEE richiesti.

Dovranno invece continuare a presentare domanda i beneficiari del bonus elettrico per disagio fisico, ovvero coloro che si trovano in gravi condizioni di salute e utilizzano apparecchi salvavita. La richiesta dovrà essere presentata come di consueto al Comune o presso CAF abilitati.

LEGGI ANCHE  BONUS 2021: GUIDA ALLE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI

Bonus acqua, luce e gas. Chi potrà ottenerli

Per ottenere i bonus saranno necessari alcuni requisiti:

  • avere un ISEE non superiore a 8.265 euro;
  • oppure appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  • oppure essere titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

In aggiunta, uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve risultare titolare di una fornitura elettrica/gas/idrica per usi domestici attiva (o sospesa per morosità) o usufruire di una fornitura centralizzata gas/idrica attiva e per usi domestici.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI