VARIANTI COVID, CRISANTI PESSIMISTA: “LOCKDOWN TOTALE SUBITO, SIAMO NEI GUAI”

La pandemia non dà tregua e a preoccupare adesso sono le varianti del virus, in particolare quella inglese, che ha un elevatissimo tasso di contagiosità e si è già diffusa in Italia. Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità circa un contagio su 5 da coronavirus è della variante inglese, il 17% del totale dei casi. La rilevazione dell’ISS deriva dalle analisi fatte sui tamponi delle varie regioni per verificare la diffusione del ceppo britannico.  Quello che è emerso ha fatto scattare l’allarme tra gli esperti e il virologo Andrea Crisanti invoca un lockdown duro e nazionale. Prima di lui anche Walter Ricciardi, consulente del ministro Speranza, aveva ipotizzato una chiusura generalizzata.

LEGGI ANCHE  ORDINANZE REGIONALI, COMUNALI E DPCM: VINCE LA CONFUSIONE

Le parole di Crisanti

“Il 20% dei contagiati presenta la variante inglese e la percentuale è destinata ad aumentare, ha dichiarato il virologo Crisanti sul quotidiano ‘La Stampa’. Bisognava fare il lockdown a dicembre, prevenendo tutto questo, mentre ora siamo nei guai. Serve un lockdown duro subito per evitare che la variante inglese diventi prevalente e per impedire che abbia effetti devastanti come in Inghilterra, Portogallo e Israele. E neanche zone arancioni, va chiuso tutto e va lanciato un programma nazionale di monitoraggio delle varianti”.

La zona rossa è troppo morbida, ci vuole un lockdown stile Codogno

“Dove si trovano le varianti brasiliana e sudafricana servono lockdown stile Codogno, non le zone rosse che sono troppo morbide – ha aggiunto Crisanti – La Germania continua il lockdown, la Francia pure, l’Inghilterra anche, solo noi pensiamo asciare e a mangiar fuori. Tutti vogliamo una vita normale, ma non si realizza se non si controlla la pandemia”.

LEGGI ANCHE  83 LE FARMACIE IN PROVINCIA DI MESSINA AUTORIZZATE DALLA REGIONE PER EFFETTUARE TAMPONI ANTIGENICI

Crisanti è critico sulla campagna vaccini

Sulle vaccinazioni Crisanti ha detto che “sarò distratto, ma ho scoperto solo ieri delle strutture con la primula: uno spreco di soldi pubblici, mentre bisogna organizzare scuole, cinema, teatri e palestre. Evidentemente le case farmaceutiche si sono trovate di fronte a una richiesta senza precedenti. In più, l’organizzazione va a rilento”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI