RISCHIAMO IL TRACOLLO ECONOMICO

[cmsmasters_row][cmsmasters_column data_width=”1/1″][cmsmasters_text]

“Messina in  zona rossa  è un momento tragico per tutti, per chi non potrà andare a scuola, per i disabili, per le famiglie, per i giovani, per i bambini e per tutte le attività lavorative.”

Lo ha detto nella sua pagina facebook la parlamentare siciliana Valentina Zafarana del Movimento Cinque Stelle. Il suo affondo è ancora peggiore: “ Rischiamo seriamente il tracollo economico.”

Messina zona rossa è l’ennesima sconfitta per il tessuto economico -ha scritto –  non basteranno gli aiuti economici se non si riuscirà ad abbassare la curva.

Alla fine di tutto le  responsabilità dovranno essere messe in chiaro. Siano dell’ASP, della Regione, che non è stata in grado di gestire i tracciamenti, l’assistenza e il controllo dei positivi  o siano di chi ha voluto sfruttare la situazione per far facile propaganda tenendo comportamenti contraddittori.

LEGGI ANCHE  PIPPO MIDILI, LA VITA E LE PASSIONI DEL NUOVO SINDACO DI MILAZZO

A fronte della tanta gente che ha rispettato le regole, preoccupata delle conseguenze  ci sono  stati alcuni irresponsabili  che hanno pensato che questo fosse un Natale come gli altri.

Se il commissario ASP Furnari chiede la zona Rossa per Messina vuol dire che i positivi aumentano in modo preoccupante, che la situazione di allarme è concreta, soprattutto in rapporto alla risposta sanitaria di posti letto e terapie intensive disponibile per tutta la provincia.

Lo avevamo denunciato  chiedendo chiarezza sul piano regionale anti COVID e rilevando le lentezze del governo regionale ad agosto, settembre ottobre, quando ancora il CTS regionale non era stato neanche ricostituito e Musumeci tardava ad assumersi il ruolo di Commissario regionale per l’emergenza.

LEGGI ANCHE  LA BELLEZZA E’ UNA SCELTA

Chiederò al Commissario Asp e al Comitato tecnico scientifico regionale come è possibile, senza propaganda politica di parte -ha concluso l’onorevole Zafarana-  che siamo l’unica città capoluogo in zona rossa. Non è accettabile, e chi ha sbagliato dovrà pagare. Teniamo duro, ma da domani sarà il tempo delle responsabilità.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI